Dodge Challenger SRT8: più leggera e potente

Dovrebbe avere soluzioni adatte per la pista e almeno 500 CV sotto il cofano.

Dodge Challenger SRT8: più leggera e potente

di Valerio Verdone

03 aprile 2013

Dovrebbe avere soluzioni adatte per la pista e almeno 500 CV sotto il cofano.

La Chevrolet, con la sua Camaro Z28 ha spiazzato le concorrenti e ha scritto una pagina nuova nel segmento delle muscle car, che smettono il ruolo di brucia semafori per indossare tuta e casco e trasferirsi in pista. Ma la tendenza è stata recepita anche dalla Dodge che ha deciso di sfidare tra i cordoli la Z28 con una Challenger SRT8 più leggera e potente.

Di conseguenza, come è già avvenuto per la Viper che, attraverso la versione TA, ha decisamente sposato la causa della pista, anche la Challenger presto verrà elaborata allo scopo, magari entro un anno, per contrastare l’esordio sul mercato della rivale del Cravattino.

>> Guarda la Gallery della Dodge Challenger SRT8

La ricetta è semplice quanto efficace: limare qualche kg dal corpo vettura, migliorare le sospensioni per digerire al meglio lo stress da circuito, e spremere dei cavalli extra dal propulsore che non dovrebbe avere meno dei 500 CV della Camaro Z28. Per la potenza fondamentalmente non ci saranno problemi di sorta, visto che l’attuale V8 HEMI da 6,4 litri della Challenger è capace di arrivare a 470 CV, il difficile arriverà dalla messa a punto dell’auto nel complesso, ma il tempo è dalla parte degli ingegneri della SRT.

Ovviamente, anche l’interno dovrà avere i suoi punti forti come i rinforzi utili a irrobustire il telaio e a garantire maggior sicurezza al pilota, le cinture da competizione e dei sedili ben sagomati. Non mancheranno loghi specifici e finiture particolari e, inevitabilmente, il prezzo salirà verso l’alto.