Honda N-ONE, la "500" per il Giappone

Si può definire una risposta a 500 e Mini in salsa giapponese la nuova Honda N-ONE, citycar compatta con stile retrò destinata al mercato interno.

Honda N-One

Altre foto »

Debutta sul mercato giapponese nella giornata di oggi la nuova Honda N-ONE, citycar compatta che va ad inserirsi nella serie N di Honda che comprende già la N-BOX e la N-BOX + lanciate quest'anno sempre sul mercato interno.

Lo stile della nuova arrivata N-ONE strizza l'occhio al passato e sembra ispirarsi in alcuni particolari alle modaiole proposte di casa Mini e alla Fiat 500, ma il suo aspetto retrò, fortemente legato alla tradizione giapponese, potrebbe non rientrare appieno nei canoni estetici europei.

La Honda N-ONE è la versione di serie della N Concept_4 presentata al Salone di Tokyo dell'anno scorso e richiama alla mente lo stile della Honda N360, antesignana delle compatte Honda lanciata nel 1967.

Compatto è anche il motore della N-ONE, un tre cilindri di 660 cc offerto sia in versione aspirata che nella più potente variante sovralimentata. I clienti possono scegliere inoltre tra la trazione integrale o la trazione anteriore.

Fino ad ora nulla è stato precisato da Honda relativamente ad una commercializzazione del modello al di fuori del Giappone, dove il listino attuale parte da 1.707.750 Yen, ovvero da circa 16.500 euro.

Se vuoi aggiornamenti su HONDA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 02 novembre 2012

Altro su Honda

Honda HR-V 1.6 i-DTEC: la prova su strada
Prove su strada

Honda HR-V 1.6 i-DTEC: la prova su strada

Al volante del crossover giapponese dinamico e versatile

Nuova Honda Civic 2017, l’evoluzione continua
Ultimi arrivi

Nuova Honda Civic 2017, l’evoluzione continua

La decima generazione della Honda Civic sfoggia un design moderno e sportivo che nasconde una serie di contenuti tecnologici molto interessanti.

Auto elettrica: annunciata una joint venture Honda-Hitachi
Ecologiche

Auto elettrica: annunciata una joint venture Honda-Hitachi

I due big player pronti a siglare la craezione di una joint venture company per lo sviluppo della mobilità a zero emissioni.