Volkswagen Amarok: debutta l'automatico 8 rapporti

La gamma del pickup Volkswagen si arricchisce con la versione a cambio automatico 8 rapporti, abbinato alla trazione integrale permanente.

Amarok, il pick up by Volkswagen

Altre foto »

A pochi giorni dalla presentazione (Salone di Ginevra 2012) dell'Amarok Canyon Concept, Volkswagen annuncia il debutto di nuove versioni del pickup heavy duty Amarok.

Si tratta, più nel dettaglio, di Amarok doppia cabina equipaggiato con un nuovo cambio automatico a 8 rapporti (che noi avevamo già anticipato, lo scorso settembre, in occasione del Salone di Francoforte 2011), che si aggiunge al recente Amarok  cabina singola.

Volkswagen Amarok "automatico": 4x4 e overdrive

La nuova trasmissione automatica, segnala Volkswagen, rappresenta una primizia assoluta nel segmento pickup di riferimento. La rapportatura del cambio è stata sviluppata in modo da permettere una efficace spaziatura fra il primo (sviluppato per l'impiego in offroad e il traino) e l'ottavo rapporto (quest'ultimo progettato con funzioni di overdrive).

Volkswagen Amarok a cambio automatico viene abbinato alla trazione integrale permanente. La motorizzazione scelta è un nuovo TDI biturbo da 180 CV e 420 Nm di coppia massima; il peso rimorchiabile è aumentato a 3,2 tonnellate (su pendenze fino al 12%). La velocità massima annunciata è di 179 km/h (raggiungibile al settimo rapporto), la ripresa 80 - 120 km/h richiede 8,5 secondi.

Nella versione BlueMotion, Voilkswagen Amarok a cambio automatico viene equipaggiato con il sistema Start&Stop, che insieme alle soluzioni contenute nella tecnologia BlueMotion (dispositivo di recupero dell'energia cinetica nelle fasi di frenata, pneumatici a bassa resistenza al rotolamento) contribuisce a una maggiore attenzione verso consumi ed emissioni.

A questo proposito, Volkswagen dichiara consumi più bassi rispetto alla corrispondente versione TDI da 163 CV equipaggiata con cambio manuale:  a ciclo medio, la Casa annuncia 7,6 litri di carburante per 100 km, ed emissioni  di CO2 nell'ordine di 199 g/km.

Amarok cabina singola: per gli impieghi più gravosi

Recentemente, la "famiglia" Amarok (disponibile negli allestimenti Trendline e Highline) è aumentata anche con l'introduzione delle versioni a cabina singola. L'allestimento, realizzato sullo stesso pianale di Amarok doppia cabina, consente un maggiore sfruttamento (aumenta di 650 mm) della superficie di carico, che qui arriva a 2205 mm. La larghezza di carico fra i passaruota resta invariata (1,22 metri); si ottiene una superficie di carico di 3,57 metri quadri.  Il trasporto merci è assicurato grazie a sei occhielli di ancoraggio che vengono forniti di serie.

Ricordiamo brevemente le caratteristiche tecniche di Volkswagen Amarok. Il pickup viene equipaggiato con due motorizzazioni: 2.0 TDI da 122 CV con turbina a geometria variabile e 340 Nm di coppia, e biturbo common rail da 163 CV e 400 Nm di coppia massima. La trazione è disponibile sia posteriore che integrale inseribile 4Motion con riduttore. Per entrambe, la trasmissione è manuale a 6 rapporti.

Il veicolo viene equipaggiato, di serie, con il bloccaggio elettronico del differenziale. A richiesta, per entrambe le motorizzazioni è disponibile il blocco meccanico del differenziale posteriore. La dotazione di serie comprende ESP, airbag frontali per conducente e passeggero, airbag laterali.

Se vuoi aggiornamenti su VOLKSWAGEN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 16 marzo 2012

Altro su Volkswagen

Volkswagen: altri 4,3 miliardi di dollari per il dieselgate
Attualità

Volkswagen: altri 4,3 miliardi di dollari per il dieselgate

Dopo i 15 miliardi di giugno altri 4,3 miliardi per uscire dallo scandalo

Volkswagen Tiguan Allspace: debutta al Salone di Detroit
Anteprime

Volkswagen Tiguan Allspace: debutta al Salone di Detroit

Al NAIAS l'inedita versione a passo lungo e tre file di sedili che prepara il debutto negli Usa della Tiguan recentemente rinnovata in Europa.

Volkswagen ID Buzz Concept al Salone di Detroit 2017
Concept

Volkswagen ID Buzz Concept al Salone di Detroit 2017

L’erede spirituale del mitico Bulli vanta una sofisticata meccanica elettrica e risulta dotato dell’ormai immancabile guida autonoma.