Spazio al tuning “works made”: Volkswagen Golf GTI Street

Esibita al recente raduno austriaco di Worthersee, è stata realizzata da un gruppo di giovani dipendenti dello stabilimento di Wolfsburg

Spazio al tuning “works made”: Volkswagen Golf GTI Street

Tutto su: Volkswagen Golf

di Francesco Giorgi

26 maggio 2009

Esibita al recente raduno austriaco di Worthersee, è stata realizzata da un gruppo di giovani dipendenti dello stabilimento di Wolfsburg

.

Entrata da poco tempo nei listini della Casa, la Volkswagen Golf GTI si dimostra già una fra le preferite dai patiti del tuning. E questa moda, a quanto pare, viene seguita direttamente dai costruttori.

Dopo l’esemplare Worthersee 09 esibito nei giorni scorsi all’omonimo raduno annuale dei possessori di VW e Audi, che si è tenuto in Austria, un gruppo di quattro neoassunti allo stabilimento di Wolfsburg ha realizzato, in tre mesi, un esemplare della Golf VI GTI che, al banco, ha fornito la ragguardevole potenza di 301 CV. Inevitabile, anche in questo caso, l’esibizione di questa vettura al raduno di Worthersee.

La vettura, chiamata GTI Street, è stata elaborata attingendo al catalogo di accessori e parti speciali aftermarket, ed è equipaggiata con il motore 2 litri TSI della versione d’origine, turbocompresso, abbinato al nuovo cambio manuale a 6 rapporti della GTI.

All’esterno, le modifiche più evidenti (oltre ad una esclusiva vernice bianca) hanno riguardato l’installazione di un nuovo paraurti, più ampio rispetto a quello di serie, spoiler posteriore sistemato in corrispondenza del portellone, terminale di scarico in acciaio inox, freni a disco autoventilanti, pinze dei freni verniciate di rosso, vetri laterali e lunotto scuriti e cerchi BBS da 19″ che montano pneumatici Pirelli da 225/35.

All’interno, fra le curiosità presenti una consolle videogiochi X-Box collegata a uno schermo Samsung da 26″, sedili anatomici (con quello del conducente regolabile elettricamente), airbag laterali, sensore di parcheggio Park Pilot, volante multifunzione rivestito di pelle.

Spazio alla fantasia, perciò. Alcune modifiche possono apparire discutibili, ma potrebbe essere una idea simpatica se le Case realizzassero delle piccole serie di veicoli già oggetto di tuning.