Mercedes Classe E Coupé 220 CDI: la prova su strada

Elegante, sportiva e con un lato pratico che la rende unica. Abbiamo provato la Mercedes Classe E Coupé dotata della motorizzazione 220 CDI.

Mercedes Classe E Coupé 220 CDI Sport

  • Design9,00
  • Comfort9,00
  • Prestazioni8,00
  • Consumi8,00
  • Prezzo7,00
  • Pro Linea, comfort, consumi, tenuta di strada
  • Contro Display centrale di piccole dimensioni
  • Voto Motori.it: 8,20

Mercedes Classe E Coupé 220 CDI Sport: la prova su strada

Altre foto »

Nel listino Mercedes troviamo un'auto che per certi versi riassume tutte le caratteristiche della Stella a Tre Punte: classe, eleganza, originalità, grande qualità costruttiva e gran confort di marcia. Si tratta della Classe E Coupé, che ha subito un restyling di recente per essere ancora più accattivante. Abbiamo provato la versione equipaggiata con il 2.1 turbodiesel da 170 CV, una stradista che affronta i chilometri con grande regalità.

Esterno: sportività di classe

L'elemento che distingue nettamente la E Coupé dal precedente modello è senza dubbio il frontale che attinge alle recenti esperienze stilistiche inaugurate con la Classe A ma esprime una personalità tutta sua. Spariscono i quattro fari dal design spigoloso e arrivano due gruppi ottici dal taglio aggressivo e impreziositi dalla tecnologia a LED. In generale, le forme sono state ammorbidite, con un nuovo paraurti anteriore dalle ampie prese d'aria e la grande calandra che mostra orgogliosa la Stella a Tre Punte. Bello il disegno dei cerchi in lega da 18 pollici bicolore e gli inserti cromati che contraddistinguono la fiancata priva di montante centrale. Nella vista posteriore troviamo nuovi gruppi ottici e, dalla versione Sport, gli scarichi squadrati annegati nei paraurti. Insomma, la sportività c'è ma l'eleganza è rimasta immutata.

Interno: un ambiente da prima classe

L'interno della Classe E Coupé è semplice ed elegante, si sta seduti in basso, ma la visuale è ampia, mentre davanti al guidatore tre strumenti circolari s'intravedono con facilità tra la corona dello sterzo sportivo a 3 razze. C'è tutto quello che serve, e, volendo si può accedere ai vari menù anche attraverso il display nel quadrante centrale. La plancia è dominata in alto dallo schermo TFT da 14,7 cm che offre la predisposizione per il navigatore Becker MAP PILOT (presente sulla vettura provata), mentre più in basso troviamo l'immancabile orologio analogico e i comandi per la climatizzazione. Non mancano i vani svuota tasche sul tunnel centrale favoriti dall'assenza della leva del cambio automatico, sostituita con un comando a leva, "all'americana" tanto per intenderci, posizionato dietro il volante. Ovviamente, trattandosi di una coupé, ci sono anche le levette per utilizzare la trasmissione in modalità manuale, visto che ogni tanto viene voglia di prendere il comando delle operazioni e sentirsi protagonista. Per il resto troviamo comodi sedili sportivi anteriori in pelle ecologica Artico e tessuto e due comodi sedili posteriori con un vano svuota tasche al centro. C'è spazio per quattro persone e il bagagliaio da 450 litri non fa rimpiangere quello della berlina.

Su strada: sicura e inaspettatamente agile

La Classe E Coupé è un'auto davvero facile da condurre, una volta prese le misure con il suo corpo vettura da 4,70 metri e imparato il meccanismo del Cambio automatico con convertitore di coppia che viene azionato da una leva posta dietro il volante. Per il resto si ha a che fare con uno sterzo leggero e preciso, libero di disegnare le traiettorie grazie alla trazione posteriore, e sorprendentemente veloce rispetto alla mole dell'auto. L'impronta a terra garantita dalle coperture 235/40/ R18 all'anteriore e 255/35/R18 al posteriore è notevole, così come la stabilità nei curvoni veloci. Insomma, ci si può fidare della E Coupé, e se si commette qualche sbaglio c'è sempre l'elettronica che interviene in maniera decisa a frenare le eventuali intemperanze del guidatore. Vietato esagerare dunque, anche perché si viaggia spediti anche senza impegnare l'ESP, visto che il 2.1 biturbo diesel spinge senza incertezze e, a conferma della sua poliedricità, fa il solito figurone. Sempre pronto alle sollecitazioni del piede destro, vanta una coppia di 400 Nm a partire da 1.400 giri, mentre i 170 CV sono erogati da soli 3.000 giri. Numeri che spingono la vettura fino a 235 km/h in pista accelerando da 0 a 100 km/h in 8,3 secondi. Ovviamente le prestazioni non arrivano a scapito dei consumi visto che i 15 km/l sono sempre a portata di piede anche quando non si guida come un buon padre di famiglia e che, volendo, si possono percorrere anche 17 km/l se si sfrutta poco la meccanica. Chiaramente, non manca qualche piccolo difetto, si tratta di piccoli particolari che comunque vanno menzionati, il cambio ad esempio, il 7G-Tronic Plus, è stato migliorato con un convertitore di coppia a slittamento ridotto, ma nel misto stretto, in salita, ogni tanto si avverte un leggero ritardo di risposta, mentre la leva dietro il piantone dello sterzo a volte può generare incomprensioni, infatti quando piove, si rischia di azionarla mentre si va alla ricerca del comando per i tergicristalli. Intendiamoci, si tratta di piccole cose, alle quali si può rimediare con una guida più attenta e una certa assuefazione d'uso.

Un altro punto migliorabile riguarda il display centrale dalle dimensioni contenute e un po' in controtendenza con le mode attuali, ma volendo c'è sempre il COMAND Online (optional) con schermo da 17,8 cm e tante altre funzioni come la navigazione internet a vettura ferma o la possibilità di utilizzare un percorso inviato precedentemente all'auto tramite il pc. Curata come sempre la Sicurezza attiva con dispositivi che avvisano il guidatore del pericolo d'impatto una volta che si è superata la distanza di sicurezza e lo invitano a prendere un caffè quando notano un eventuale disattenzione o affaticamento dello stesso. Ovviamente, non mancano optional in questo campo che non solo aiutano il guidatore a frenare in maniera più efficace, ma addirittura lo avvisano di un possibile impatto durante la percorrenza di un incrocio da parte dei veicoli che viaggiano perpendicolarmente alla E Coupé.

Prezzo: a partire da 46.158 euro

La Classe E Coupé Sport ha un listino di 46.158 euro, una cifra che annovera i retrovisori ripiegabili elettricamente, l'impianto audio con predisposizione al navigatore Becker Map Pilot, i cerchi da 18 pollici e i doppi scarichi posteriori. Ma ovviamente la lista degli optional è molto lunga: il cambio automatico, ad esempio, influisce per 2.260 euro, mentre i sensori di parcheggio comportano un esborso di altri 880 euro. Insomma, ci vuole poco per farsi prendere la mano e arrivare a cifre decisamente impegnative: d'altra parte il fascino di una Mercedes è anche questo.

Se vuoi aggiornamenti su MERCEDES-BENZ CLASSE E inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 06 gennaio 2014

Altro su Mercedes-Benz Classe E

Mercedes-Benz Classe E 220d Auto AMG Line: la prova su strada
Prove su strada

Mercedes-Benz Classe E 220d Auto AMG Line: la prova su strada

La grande berlina tedesca è migliorata in tutto, con uno stile meno "ingessato" dell’ultima generazione, con tecnologie di livello e un motore diesel vero "cuore" di gamma.

Mercedes Classe E Station Wagon 2016: primo contatto
Ultimi arrivi

Mercedes Classe E Station Wagon 2016: primo contatto

La nuova wagon tedesca convince per il suo stile accattivante e stupisce per l’iniezione di sistemi elettronici dedicati alla guida autonoma.

Mercedes-AMG Classe E 63: fino a 612 CV
Anteprime

Mercedes-AMG Classe E 63: fino a 612 CV

La berlina sportiva della Stella a Tre Punte sarà solo integrale per un’accelerazione da supercar