Pianino col "ruotino"! Vantaggi, svantaggi e consigli sul ruotino di scorta

Il ruotino di scorta è un equipaggiamento sempre più diffuso. Tutto quello che c’è da sapere se la vostra auto ne è dotata

A portarlo agli onori della cronaca, si fa per dire, è stato un calciatore che ha rischiato la vita in un incidente stradale di notevoli proporzioni, quando si è schiantato con la sua supercar in autostrada qualche anno fa. Per fortuna i sofisticati sistemi di sicurezza passiva hanno ben funzionato, e il nostro eroe se l'è cavata solo con un enorme spavento, ed ha continuato a correre dietro al pallone negli stadi.

La colpa dell'incidente fu attribuita al "ruotino" o meglio all'uso non proprio corretto della vettura sulla quale era stata installata questa speciale ruota di scorta, di dimensioni limitate (lo dice la parola stessa) che ormai gran parte dei costruttori usa in primo equipaggiamento. In realtà il ruotino, chiamato a sostituire un pneumatico forato, è una soluzione di emergenza che richiede una guida particolarmente attenta, e una velocità massima non superiore agli 80 km/h. Limite velocistico che molto probabilmente il calciatore di cui sopra non conosceva e che, evidentemente, non ha mantenuto.

Forature in agguato ogni 40.000 km

Ma in realtà quanti sono gli automobilisti che sanno di avere questa soluzione adottata per la loro vettura, e quanti rimangono sconcertati, all'atto di cambiare una ruota, nello scoprire che la ruota di scorta è un ruotino! Bisogna subito dire che, per fortuna, le forature sono divenute un fatto raro, perchè è sempre più difficile incappare in chiodi, viti, piccoli particolari metallici che possano provocare danni seri ai pneumatici.

Secondo le più recenti statistiche mediamente si fora ogni 40 mila chilometri; perciò molti automobilisti non hanno mai provato a cambiare una ruota. Ma lo stato degli asfalti non è migliorato, con la conseguenza che, se non si incappa nel malaugurato chiodo, ci si può trovare lo stesso con la gomma squarciata magari da una buca, o tagliata per un parcheggio un po' troppo vicino a un marciapiede...

Vedi anche

TomTom Priority Driving: una nuova esperienza di navigazione

TomTom Priority Driving

Sulle colline senesi abbiamo provato l'inedita esperienza di guida offerta dai navigatori TomTom. Ecco come è andata a bordo di una Peugeot storica.

Mercedes Future Bus: il trasporto pubblico abbraccia la guida autonoma

Mercedes Future Bus: il trasporto pubblico abbraccia la guida autonoma

La nuova frontiera della guida autonoma firmata Mercedes passa anche per un bus destinato al trasporto pubblico.

Navigazione: da GPS a Galileo, arriva il primo device

Navigatori con sistema Galileo

Il sistema di navigazione satellitare europeo Galileo si prepara alla diffusione tra i device di navigazione come l'Aquaris X5 Plus.