Mio Spirit: TV e GPS viaggiano insieme

Navigazione GPS e televisione digitale terrestre si incontratno nei navigatori Mio Spirit V505 TV e Mio Spirit V735 TV

Con l'avvento del digitale terrestre e lo switch-off di diverse regioni italiane, la televisione si avvia verso una nuova era legata, oggi più di ieri, alla mobilità.

La soluzione ideale per chi, anche in viaggio, non vuole rinunciare ai propri programmi preferiti, potrebbe essere rappresentata da alcuni modelli di navigatori satellitari che integrano un ricevitore digitale terrestre in grado di associare così alle caratteristiche proprie di un navigatore la possibilità di vedere la televisione dovunque ci si trovi, copertura permettendo ovviamente.

Di questa classe di prodotti fanno parte i navigatori Mio Spirit V505 TV e Mio Spirit V735 TV. Entrambi sono infatti dotati di un ricevitore DVB-T che consente la visione di tutti i canali in chiaro diffusi sul digitale terrestre, con un'offerta variabile in funzione del luogo in cui ci si trova e comprendente sia i canali generalisti tradizionali che i nuovi canali digitali nati nel corso degli ultimi anni. Tutti da vedere sullo schermo integrato che per il Mio Spirit V505 TV è di 4,7 pollici, mentre per il Mio Spirit V735 TV è di 7 pollici.

I due navigatori di Mio Technology offrono chiaramente tutte le funzioni già viste sugli altri prodotti della casa, tra cui il servizio Rental Maps che consente di noleggiare le mappe di alcuni paesi europei o extra europei: una possibilità utile per chi, ad esempio, si trova a viaggiare in un altro paese solo temporaneamente e per un periodo di tempo molto limitato, in modo da evitare l'acquisto di una mappa di utilizzo non frequente.

Il Mio Spirit V505 TV con le mappe dell'Italia è in vendita a 199,99 euro, mentre il Mio Spirit V735 TV, comprendente le mappe dell'Europa Occidentale, è in vendita a 299,99 euro.

Se vuoi aggiornamenti su MIO SPIRIT: TV E GPS VIAGGIANO INSIEME inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 03 marzo 2011

Vedi anche

Guida autonoma: Intel crea l

Guida autonoma: Intel crea l'Automated Driving Group

Intel investe sulla guida autonoma e annuncia la nascita di una divisione dedicata che si chiamerà Automated Driving Group.

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

La Casa dell’elica ha dichiarato che lancerà la sua prima vettura 100% a guida autonoma con intelligenza artificiale nel 2021.

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

Massima valutazione per 4 modelli su 9; sempre più netto il divario fra vetture "di serie" e quelle dotate del "safety pack" richiesto da Ncap.