Ford F-150 2.7 Ecoboost: pick-up ecosostenibile

Ford presenta il nuovo F-150 ed evidenzia i passi avanti fatti nel segno della ecosostenibilità.

Ford F-150 2.7 Ecoboost: pick-up ecosostenibile

di Giuseppe Cutrone

24 novembre 2014

Ford presenta il nuovo F-150 ed evidenzia i passi avanti fatti nel segno della ecosostenibilità.

Ford sceglie la via dell’ecosostenibilità per il propulsore che accompagna uno dei suoi modelli di punta negli Usa: il pick-up F-150

Il costruttore di Detroit ha lavorato a tutti i livelli per assicurare una diminuzione dei consumi e delle emissioni, riuscendo ad ottenere valori molto interessanti secondo lo standard EPA, ovvero l’insieme di parametri stabiliti dall’Agenzia per la Protezione Ambientale americana. 

Al centro dell’attenzione con l’arrivo del nuovo Ford F-150 c’è il motore 2.7 Ecoboost, un’unità capace di assicurare un buon rapporto peso-potenza e consumi migliorati fino al 29% rispetto a quanto offerto dalla gamma attualmente in commercio. 

Secondo gli standard Usa, il propulsore a benzina è in grado di percorrere 19 mpg (miglia per gallone) in città, 26 mpg in autostrada e 22 mpg nel ciclo misto, consentendo al Ford F-150 di essere il pick-up più efficiente tra quelli della sua categoria. 

Il merito di questo traguardo non è legato unicamente al motore, ma va condiviso con l’impiego di materiali leggeri come leghe di alluminio e acciaio ad alta resistenza affiancati per mantenere solida la struttura della vettura, senza incidere troppo sul peso complessivo. 

Per gli automobilisti americani questo si traduce in un’ampia flessibilità d’utilizzo, una grande capacità di traino (3,8 tonnellate) e la possibilità di sfruttare i 325 cavalli del pick-up Ford in un ampio numero di situazioni, per una poliedricità unica a cui si aggiunge una capacità di carico superiore a una tonnellata.