A Milano l'etilometro per i professori

Polemica all'istituto alberghiero Carlo Porta per l'iniziativa del preside che vuole sottoporre gli insegnanti all'alcool test.

A Milano il test dell'etilometro arriva a scuola e non agli studenti ma bensì ai professori. Succede all'istituto alberghiero Carlo Porta, dove i professori prima di andare a sedersi in cattedra dovranno sottoporsi al famoso alcool test. Non è uno scherzo: il preside dell'Istituto ha formalizzato il tutto con una richiesta specifica fatta attraverso un modulo consegnato ai 143 docenti. "Il lavoratore -si legge nel modulo- autorizza il medico competente a effettuare il trattamento sanitario che consiste nel test alcolimetrico con etilometro".

I docenti che si rifiuteranno di sottoporsi al test, verranno segnalati al preside e potrebbero essere allontanati dal posto di lavoro e impiegati in altra mansione. Chi invece risulterà con un tasso alcolemico positivo, rischierà il licenziamento.

Antonio Malaspina, preside dell'istituto commenta così questa sua scelta: Abbiamo deciso di sottoscrivere una convenzione con un medico del lavoro per valutare i rischi e garantire la sicurezza di tutti coloro che sono in servizio al Carlo Porta".

I docenti non hanno preso di buon grado questa decisione anche se 141 su 143 hanno firmato il modulo. Gli altri si sono rivolti ai sindacati per denunciare la "richiesta vessatoria" fatta dal dirigente scolastico. Pippo Frisone della Cgil ha così risposto: "Il buonsenso vorrebbe almeno che controlli simili fossero riservati a chi lavora in situazioni ad alto rischio come chi sta in cucina o gli addetti a macchinari pericolosi. Chiedere a un insegnante di religione o di italiano di sottoporsi all'etilometro per entrare in classe è una forzatura".

 

Se vuoi aggiornamenti su A MILANO L'ETILOMETRO PER I PROFESSORI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 23 marzo 2015

Vedi anche

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

L'attore e doppiatore statunitense manda sul mercato vetture dal valore complessivo di circa 4 milioni e mezzo di dollari

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Il presidente del consiglio in visita allo stabilimento di Sant'Agata Bolognese

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Incendio per il gioiello di Maranello del 1987: colpa di una autocombustione che si è generata nel vano motore