Il mistero dei motori Yamaha

Flop al Mugello con due rotture in 4 ore. VR46: "Forse assemblati male"

Due guasti al motore nel giro di 4 ore è un evento raro per un team di Motogp. Eppure è proprio quel che è accaduto alla Yamaha. Al Mugello è venuto meno il propulsore di Lorenzo, esploso al termine del warm up, poi quello di Valentino Rossi, problema più grave perché avvenuto nel corso della gara.

Cosa accade dunque? Problemi differenti o c'è un comune denominatore alla base delle rotture?

Il Dottore non ha dubbi. "La natura dei problemi è la stessa, anches e non è chiara ancora la loro origine. Di certo non dipende dalle alte temperature. Il surriscaldamento non c'entra".

"Sospetto che sia il mio motore che quello di Jorge siano stati assemblati male. E' probabile che ci sia qualche elemento difettoso al loro interno. Ora i tecnici stanno effettuando dei test per capire meglio cosa sia accaduto", ha precisato Vale.

"Non sono preoccupato perché la Yamaha ha punzonato sin qui solo tre motori (sui sette disponibili nell'arco della stagione, ndr). C'è tempo per crescere e migliorare", la speranza di Valentino.

Se vuoi aggiornamenti su IL MISTERO DEI MOTORI YAMAHA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Catino | 24 maggio 2016

Vedi anche

Dakar, 2017: Fiat Panda 4x4 Cross giunge al traguardo

Dakar, 2017: Fiat Panda 4x4 Cross giunge al traguardo

Si tratta della prima auto italiana a completare tutte le tappe

Automotive: come proteggere un’invenzione con i brevetti

Automotive: come proteggere un’invenzione con i brevetti

Una mini-guida per orientare nel modo più chiaro e semplice possibile chi ha intenzione di brevettare la propria invenzione.

Rosberg a Monaco se ne va in Ferrari

Rosberg a Monaco se ne va in Ferrari

Il campione del mondo di Formula 1 adora le auto della ex 'concorrenza'. Eccolo alle prese con un esemplare de LaFerrari