Emissioni truccate, la Merkel sapeva tutto

Ci sarebbero le prove che lo dimostrano

Lo scandalo Volkswagen si allarga. Il ministro dei trasporti tedesco ha annunciato una commissione d'inchiesta e la cancelliera Angela Merkel chiede chiarezza e piena trasparenza. Ma sicuri che il Governo tedesco non sapesse proprio nulla? É questa la domanda che si pongono in molti nelle ultime ore, soprattutto il quotidiano Die Walt che afferma con assoluta certezza che il Governo tedesco fosse al corrente di tutto.
Secondo quanto si apprende, infatti lo scorso 28 luglio, un'interrogazione parlamentare dei Verdi, diretta al Ministero dei Trasporti aveva già sollevato il problema. E nella risposta ricevuta, il ministero avrebbe ammesso di essere a conoscenza del software utilizzato sui veicoli per ingannare i test. La risposta del Ministero si legge sul Welt: "In questo contesto, il Governo sostiene l'ulteriore sviluppo delle normative Ue, in particolare con l'obiettivo di ridurre le emissioni reali dei veicoli a motore". Quindi, pur non nominando alcuna marca, il Ministero era al corrente del modus operandi delle case automobilistiche. Intanto il titolo in borsa è in picchiata.

Se vuoi aggiornamenti su EMISSIONI TRUCCATE, LA MERKEL SAPEVA TUTTO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 23 settembre 2015

Vedi anche

Il foglio unico sostituirà il libretto di circolazione: si risparmiano 39 euro

Il foglio unico sostituirà il libretto di circolazione: si risparmiano 39 euro

Le attività di Pra e Motorizzazione saranno messe insieme: via libera al documento che sostituisce libretto e certificato di proprietà

In vendita la Porsche 911 turbo indistruttibile: 1 milione di km!

In vendita la Porsche 911 turbo indistruttibile: 1 milione di km!

La vettura, immatricolata nel 2002, costa solo 18mila dollari

Nissan Navara, il pick-up giapponese si spezza in due?

Nissan Navara, il pick-up giapponese si spezza in due?

Alcuni possessori del Nissan Navar hanno denunciato gravi problemi strutturali sul pick-up giapponese che potrebbe letteralmente spezzarsi in due.