Il FIA GT diventerà Mondiale

Sei costruttori, calendario in cinque continenti, monogomma e due eventi a weekend. Al Paul Ricard si delinea il futuro FIA GT Mondiale del 2010

Il FIA GT diventerà  Mondiale

di Leopoldo Canetoli

11 aprile 2009

Sei costruttori, calendario in cinque continenti, monogomma e due eventi a weekend. Al Paul Ricard si delinea il futuro FIA GT Mondiale del 2010

.

E’ stato presentato dal promoter della SRO Stephane Ratel durante i Media Day sul circuito del Paul Ricard il progetto del Mondiale FIA per le vetture GT: sarà una sorta di Mondiale Marche di tanti anni fa…

Questi i passi che si dovranno compiere per avere la titolazione mondiale: entro il mese di Giugno 2009 la SRO presenterà al FIA Motor Sport Council il regolamento sportivo, entro Ottobre sarà a disposizione il calendario, entro Novembre chiusura delle iscrizioni. A Dicembre poi ci sarà la presentazione della lista dei concorrenti da parte della FIA e il lancio ufficiale a Monaco. A Marzo 2010 finalmente la prima prova in Argentina già fissata sul circuito di Potrero de los Funes.

Per non sovrapporsi alla Le Mans Series e cercare di garantirsi una copertura televisiva adeguata, la serie sarà imperniata su due gare di un’ora ciascuna, con la prima che in pratica sarà una sorta di qualificazione per la seconda che stabilirà l’unico vincitore dell’evento.

Nuovo regolamento e calendario mondiale

Due soli saranno i piloti per equipaggio, una sosta per il cambio gomme obbligatoria per ogni gara. Le vetture potranno essere sviluppate da un costruttore indipendente (sempre comunque soggette al “balance of performance“, un esame delle prestazioni con eventuali correttivi) e per il 2010 saranno ammessi solo 6 costruttori (3 sono già scontati: Ford, Nissan e Lamborghini) con due team ciascuno per un totale massimo di 24 vetture, due per squadra.

Il motivo di queste limitazioni è anche economico, perché la SRO si occuperà di sostenere le trasferte extra europee, per un calendario che avrebbe già ricevuto le adesioni di circuiti in Argentina, Australia, Gran Bretagna, Italia, Portogallo,Germania, Belgio (con la 24 Ore di Spa), Romania, Russia, Bulgaria, Sud Africa ed Emirati Arabi. Dodici prove in 12 paesi diversi, in 5 continenti. Per ora è previsto un solo costruttore di pneumatici (Michelin) come negli altri Mondiali FIA con Bridgestone, Pirelli e Yokohama, fornitori rispettivamente di F.1, WRC e WTCC.

Gabriele Cadringher, rappresentante della FIA, ha confermato l’investitura di Mondiale per il FIA GT sempre che Ratel sia in grado di presentare un calendario di almeno 10 prove in almeno tre continenti diversi. La Federazione Internazionale vigilerà e aiuterà Ratel, fiduciosa che almeno 18 vetture saranno al via già dal primo anno.