Ford: ecco la R2, la Fiesta da rally

Già vista come vettura – laboratorio allo scorso Rally Sardegna, è stata sviluppata dalla M-Sport con specifiche Gruppo R

Ford: ecco la R2, la Fiesta da rally

di Francesco Giorgi

23 luglio 2009

Già vista come vettura – laboratorio allo scorso Rally Sardegna, è stata sviluppata dalla M-Sport con specifiche Gruppo R

.

Presentata in anteprima (e impegnata in veste di apripista) lo scorso Maggio al Rally d’Italia – Sardegna, la Ford Fiesta R2 è considerata la naturale erede della ST, che ha esordito nei rally due anni fa e che, anche in virtù delle nuove regolamentazioni sportive, si prepara a lasciare il passo alla versione “spinta” della nuova piccola della Casa dell’Ovale Blu, presentata in Europa nell’autunno del 2008 come primo modello Ford di “auto globale”.

La Fiesta R2 viene allestita e curata dalla M-Sport, la struttura guidata da Malcolm Wilson che, di fatto, rappresenta il reparto corse della Ford. Nemmeno da paragonare la R2 alla “vecchia” ST, che a livello di preparazione – essendo quest’ultima una Gruppo N – non permetteva uno sviluppo ottimale della vettura, come invece è il caso della R2, secondo quanto dichiara Chris Williams, Ingegnere capo della M-Sport e responsabile dello sviluppo della R2.

Le normative sul Gruppo N che abbiamo dovuto applicare per la Fiesta ST ci hanno imposto di utilizzare le vetture di serie, con tutti i compromessi che questo comporta. I tecnici di produzione che hanno progettato il design della ST, un’autentica automobile da strada, hanno dovuto tener conto di un gran numero di fattori: rumore, vibrazioni, emissioni, nonché prestazioni e tenuta. Le normative per la R2 invece ci consentono di apportare variazioni alla meccanica standard e di selezionare i componenti Ford più adatti per ottenere il massimo in termini di competitività“.

Il motore scelto per la Fiesta R2 è uno Zetec Ti-VCT di 1,6 litri, a 16 valvole e doppio albero a camme in testa. Le modifiche apportate al propulsore comprendono pistoni, bielle, alberi a camme, molle valvole, iniettori, filtro dell’aria, candele. Così “equipaggiato”, lo Zetec della R2 sviluppa una potenza di 163 CV a 7500 giri/min, ed un valore di coppia di 182 Nm a 5700 giri.

A livello di assetto, le sospensioni comprendono ammortizzatori regolabili Reiger con molle Eibach montate su uniball. Il cambio è un Sadev a cinque velocità e a comando sequenziale, con differenziale a slittamento limitato e albero motore avanzato.

Secondo le normative previste per il nuovo Gruppo R, è possibile intervenire sulla scocca in maniera più completa rispetto al Gruppo N. Questo ha permesso alla M-Sport di spogliare la R2 di attacchi e pannelli superflui, per arrivare al peso minimo indicato nella fiche di omologazione: 1030 kg.