Usa: le auto di lusso volano a più 42%

Un'inchiesta di Ihs Global Insight ha mostato che, negli Usa, nel 2010 le vendite di auto oltre i 100.000 dollari potrebbero aumentare del 42%

Secondo IHS Global Insight, l'azienda americana di ricerca nel settore automobilistico, il 2010 sarà un anno molto positivo per le vendite di auto di prezzo superiore ai 100.000 dollari: una ricerca condotta negli Stati Uniti ha infatti mostrato che mentre in molti paesi del mondo (tra cui gli Usa) il mercato delle 4 ruote fatica a decollare, quello relativo al lusso potrebbe chiudere il 2010 con un più 42%, ribaltando completamente i dati del 2009 che avevano fatto preoccupare i costruttori visto che avevano registrato un meno 30%.

Dalle stalle alle stelle, insomma, con i responsabili nordamericani di Maserati, Ferrari, Mercedes, Bmw, Maybach e Lexus che hanno già iniziato a fregarsi le mani guardando i rendiconti mensili dei primi mesi dell'anno.

A trainare le vendite è, come sempre, la ripresa economica (o quella che molti credono tale) che ha aumentato la propensione di molti consumatori a stelle e strisce a fare spese importanti.

Senza contare che l'indebolimento dell'euro rispetto a dollaro non farà che agevolare la vendita di auto europee, soprattutto di quelle fatte direttamente nel vecchio continente.

Se vuoi aggiornamenti su USA: LE AUTO DI LUSSO VOLANO A PIÙ 42% inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 26 maggio 2010

Vedi anche

Mercato auto Europa in crescita del 6,5% nel 2016

Mercato auto Europa in crescita del 6,5% nel 2016

Il mercato europeo dell’auto continua la sua crescita, trainata da FCA che continua a salire con una velocità a due cifre.

Hyundai: immatricolazioni da record in Italia

Hyundai: immatricolazioni da record in Italia

La Casa coreana supera nel 2016 per la prima volta le 56mila vetture consegnate.

Gruppo FCA: 1 miliardo di dollari di investimenti in USA

Gruppo FCA: 1 miliardo di dollari di investimenti in USA

Scambio di ringraziamenti tra il Presidente eletto Donald Trump e Sergio Marchionne per gli investimenti del Gruppo FCA negli USA.