Anche Volvo finirà nelle mani cinesi

Si stanno intensificando le trattative tra la holding cinese Geely e Volvo, per l’acquisizione del marchio svedese

Anche Volvo finirà nelle mani cinesi

di Redazione

02 novembre 2009

Si stanno intensificando le trattative tra la holding cinese Geely e Volvo, per l’acquisizione del marchio svedese

Dopo Hummer, che è stata venduta da GM alla Sichuan Tengzhong e il Gruppo Baic che ha tentato di assorbire Opel, un altro big dell’industria automobilistica europea potrebbe finire nell’orbita di Pechino: Volvo. Alla Ford confermano che la cinese Geely sia la miglior offerente per acquisire la casa svedese Volvo.

In quel di Dearborn fanno sapere che i negoziati vanno intensificandosi. Per Lewis Booth, direttore finanziario Ford, Geely è in grado di acquisire e gestire un marchio come Volvo. Però c’è ancora parecchio da fare per portare a termine le trattative. Nulla è ancora dato sapere sulla data di conclusione dell’affare, ma il futuro Volvo appare più chiaro. Proseguirà naturalmente una collaborazione con Ford, ma non è prevista alcuna partecipazione da parte della casa americana a livello societario.

Geely prevede di conservare la struttura organizzativa Volvo, il proprio quartier generale in Svezia, a Goteborg, mantenendo i centri di ricerca e sviluppo, gli attuali siti produttivi, la rete di distribuzione e gli accordi sindacali in vigore. Si prospetta inoltre un’altra grande opportunità: Geely aprirà a Volvo le porte del mercato cinese, mettendo a disposizione il suo fitto network di concessionarie per contrastare la supremazia delle case tedesche, prime tra tutte Bmw, Mercedes e Audi. Nonostante ciò, proseguiranno le sinergie tra Volvo e Ford: la nuova S60, al debutto il prossimo marzo al Salone di Ginevra, conterà su motori turbo a iniezione diretta di origine Ford.