Mercato auto: a settembre 2015 +17,2%

Per il momento lo scandalo emissioni del Gruppo Volskwagen non sembra aver avuto ripercussioni negative sulle vendite del comparto automotive.

Il Ministero dei Trasporti ha diramato i dati relativi alle immatricolazioni effettuate a settembre nel nostro Paese: nel mese appena trascorso sono state distribuite 130.071 auto nuove, ovvero un +17,2% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno.

"Sappiamo che il mercato dal 1 gennaio al 31 agosto è cresciuto mediamente del +15%. E molti temevano che l'affaire VW avrebbe rallentato se non azzerato la crescita. Per fortuna per ora, con un +17,2%, non è così" ha commentato Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto, che ha aggiunto: "le forti promozioni, la pubblicità e lo sforzo dei concessionari alimentano il trend di crescita a due cifre. E come avevamo anticipato nei mesi scorsi a questo ha contribuito anche la ripresa del canale noleggio".

Federauto rimane quindi scettica sulla ripresa, parlando semplicemente di timidi segnali in linea con i recenti dati ISTAT  sulla crescita del potere di acquisto delle famiglie. La cosa positiva è che,  lo scandalo relativo alle emissioni truccate del Gruppo Volkswagen, conosciuto ormai con il nome di "dieselgate", per il momento non sembra aver influito negativamente sul mercato italiano dell'automotive.

Le vetture che in Italia saranno interessate dalla prossima campagna di richiamo del Gruppo teutonico dovrebbe essere 648.458 unità equipaggiate con l'unità diesel "incriminata" Euro 5  Ea 189. Entrando nel dettaglio scopriamo che si tratta di 361.432 Volkswagen, 197.421 Audi, 35.348 Seat, 38.966 Skoda e 15.291 veicoli commerciali. Il passo successivo prevede che Volkswagen AG e gli altri brand appartenenti al Gruppo tedesco presentino entro il mese di ottobre - alle Autorità competenti - le soluzioni tecniche e le relative misure da adottare. Nel frattempo, i clienti interessati saranno tenuti aggiornati sulle tempistiche e le modalità relative alla campagna di richiamo.

"Allo stato dell'arte i clienti hanno dato fiducia ai nostri marchi. I numeri di settembre dicono proprio questo. Voglio anche lanciare un messaggio positivo ai clienti che hanno acquistato una di queste 648.458. Siate certi che il nostro gruppo troverà e illustrerà a breve le soluzioni che metteremo in campo. E siamo sicuri saranno all'altezza delle aspettative" ha commentato Maurizio Spera, presidente dei concessionari VW/Audi. "Certo, il fatto è grave, ma sapremo uscirne e riconquistare la vostra fiducia. Le attuali Euro 6 rispondono in pieno alle normative vigenti e potete acquistarle con tranquillità. Per le Euro 5 coinvolte, come detto prima, troveremo velocemente una soluzione che accontenti le Autorità competenti e i nostri clienti".

Se vuoi aggiornamenti su MERCATO AUTO: A SETTEMBRE 2015 +17,2% inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 02 ottobre 2015

Vedi anche

Cina, Fca interrompe la produzione dei modelli Viaggio e Ottimo

Cina, Fca interrompe la produzione dei modelli Viaggio e Ottimo

Stop alla produzione di Fiat Viaggio e Ottimo, modelli di segmento C su pianale Giulietta nati dalla joint venture Fca–Gac: si punta tutto su Jeep?

Dieselgate: indagine francese sul Gruppo FCA

Dieselgate: indagine francese sul Gruppo FCA

Dopo la diffusione del primo lancio di agenzia Il titolo del Gruppo FCA ha registrato una calo del 3,8%.

Mercato Auto: a febbraio rallenta la crescita, bene FCA

Mercato Auto: a febbraio rallenta la crescita, bene FCA

Il mercato auto rallenta la sua crescita nel mese di febbraio, ma Italia e il Gruppo FCA continuano a macinare ottimi risultati.