Auto Moto d’Epoca Fiera di Padova… successo e numeri da record

Dal passato al presente a Padova si fa la storia dell'auto: questo lo slogan che riempie la città consacrata a capitale italiana del motorismo storico

Auto e Moto d'Epoca 2015

Altre foto »

La manifestazione "Auto Moto d'Epoca" di Padova rivaleggia ormai senza complessi d'inferiorità con le due star europee, Retromobile di Parigi e la fiera di Essen, ed ha consolidato la supremazia sull'altro tradizionale evento dell'automobilismo storico italiano, Automotoretrò a Torino.

l numeri sottolineano il successo, 1° Salone italiano dell'auto per presenze di pubblico ed espositori, 18 case ufficiali presenti, 4.000 auto storiche in vendita, spazi espositivi cresciuti di altri 3.000 mq, 56 espositori non hanno trovato spazio in una lista di prenotazioni ormai completa da mesi.

Quest'anno la forza del richiamo al proprio passato storico ha attirato ben 18 marchi, tra i più prestigiosi e carichi di memorie, come Mercedes, Audi, Maserati, Alfa Romeo, Bentley, Jaguar e Land Rover, Abarth, Peugeot, Citroen, Porsche, ma anche quelli orientati all'innovazione e al futuro, come Tesla e Mc Laren.

Presenti naturalmente in forza i Club di marca e modello, ricambisti, automobilia, editoria, ACI, Polizia, commercianti e aziende di auto storiche, ma la parte del leone come sempre a Padova la fa la straordinaria offerta di vetture in vendita da commercianti e privati.

L'offerta è la più varia e spazia dalle storiche "popolari" e di prezzo contenuto (orientativamente nella fascia fino a € 20.000) alle vetture di prestigio e rarità, che arrivano a superare ampiamente il mezzo milione di euro.

E il giovedì, la giornata d'anteprima in cui si concludono gli affari migliori, quest'anno è stata caratterizzata dalle vendite immediate in apertura dei pezzi più pregiati, come Ferrari e Porsche nelle serie più esclusive, un'Abarth 2.000 barchetta, Aston Martin, Maserati.

Ormai alla passione si è aggiunto il business ed i frequentatori dell'anteprima sono in buona parte commercianti, collezionisti e mediatori di collezionisti che sfruttano il momento di euforia che l'automobilismo storico sta vivendo.

Questa "attenzione all'investimento" che è ormai diventata componente fondamentale dell'automobilismo storico ha provocato però un'impennata imprevedibile delle quotazioni di alcuni marchi e modelli, Ferrari e Porsche in testa, che ha triplicato in molti casi in un solo anno i valori di riferimento.

Un esempio per tutti, la bellissima Ferrari Testarossa nelle sue varie versioni era solo nel 2013 quasi una cenerentola nell'offerta delle supercar storiche. A Padova 2013 ce ne'erano cinque in offerta, tutte in una fascia di richieste compresa tra i 45.000 ed i 55.000 €. Quest'anno le Testarossa in offerta sono addirittura una quindicina e le richieste variano da 115.000 a 180.000 euro. Così per le Ferrari BB, per lungo tempo neglette, e ora oltre € 300.000, ma anche per le fino a ieri popolari GTB e GTS 208, 308 e 328 che si potevano acquistare sino all'anno scorso anche per € 40.000 e che partono ora da 70.000 per arrivare sino a € 120.000 per gli esemplari più preziosi.

Non parliamo poi di Porsche, ormai trovare un 911 2,2 T (il più popolare della serie), nella fascia 25.000/35.000 sino a due anni fa, a meno di € 60.000 è impresa impossibile e tutte le serie più prestigiose della 911 sono schizzate a quotazioni stratosferiche.

In grande crescita Maserati che spunta ormai quotazioni "da Ferrari", Aston Martin, le Abarth da competizione, le Alfa sportive e comunque tutte le speciali e sportive di qualunque marchio.

Forse troppo, forse la bolla si è gonfiata troppo e rischia di esplodere ripetendo cicli già visti, ma certo che la prevalenza delle storiche di prestigio, rispetto al collezionismo povero, non è mai stata così marcata. L'offerta di Ferrari, Porsche, Maserati è impressionante per numeri e prezzi ed ha messo un po' in ombra l'offerta, un tempo più ricca e variegata, delle storiche fino a € 30.000.

Probabilmente è una fase ed il mix di offerta è destinato a riequilibrarsi, ma certamente questa è l'edizione più ricca ed esclusiva di sempre per la manifestazione di Padova. Edizione spettacolare anche per la bellezza di alcuni stand e per la presenza di auto particolari e difficili da vedere. Uno spettacolo da non perdere e per godere del quale non basta una sola giornata.

Se vuoi aggiornamenti su AUTO MOTO D’EPOCA FIERA DI PADOVA… SUCCESSO E NUMERI DA RECORD inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Fabrizio Brunetti | 24 ottobre 2015

Vedi anche

Alfa Romeo: lo Stelvio Quadrifoglio contro tutti

Alfa Romeo: lo Stelvio Quadrifoglio contro tutti

In attesa di una prova su strada, ecco un confronto basato sui numeri tra l’Alfa Romeo Stelvio e i suoi principali concorrenti.

Le auto elettriche possono essere pericolose?

Le elettriche possono avere dei rischi

Le auto elettriche producono campi elettromagnetici che possono risultare pericolosi per i passeggeri?

FCA US: il fallimento delle compatte americane

L'opinione

Dodge Dart e Chrysler 200 chiudono anticipatamente una sfortunata carriera; la Chrysler 100 addirittura non è mai nata; è una sconfitta definitiva?