Renault-Nissan: il futuro elettrico passa per la Turchia

Renault-Nissan firma ad Ankara un accordo per creare una rete di ricarica per auto elettriche. Nei prossimi anni investimenti fino a 4 miliardi

Renault-Nissan: il futuro elettrico passa per la Turchia

di Andrea Barbieri Carones

15 ottobre 2010

Renault-Nissan firma ad Ankara un accordo per creare una rete di ricarica per auto elettriche. Nei prossimi anni investimenti fino a 4 miliardi

Il gruppo automobilistico Renault-Nissan ha firmato un accordo con la municipalità di Ankara per la costruzione di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici e la fornitura di 100 Renault Fluence a partire dal 2011. 

La partnership è stata sottoscritta ieri da Carlos Ghosn, amministratore delegato del Gruppo, il quale nell’occasione ha dichiarato che entro il 2020 un’auto su 10 sarà venduta con motore a emissioni zero. Il progetto turco prevede che i veicoli elettrici siano prodotti direttamente nel Paese euro-asiatico presso gli stabilimenti di Bursa, facendo così della Fluence il primo veicolo elettrico costruito su larga scala in Turchia.

Intanto, i due soggetti firmatari hanno concordato sulla necessità di creare un gruppo di lavoro congiunto incaricato di studiare ulteriori sviluppi per i veicoli ad emissioni zero, iniziando da progetti speciali per flotte aziendali e aree pubbliche dove installare i “distributori” di elettricità.[!BANNER]

Renault, che attualmente è tra i costruttori più impegnati nell’elettrificazione della propria gamma, potrebbe investire 4 miliardi di euro nel prossimo futuro per la produzione di auto elettriche.

Quella con Ankara è solo l’ultima di una lunga serie di partenership con le istituzioni di molti paesi europei e non solo. Lo stesso costruttore francese è stato tra i primi ad appoggiare degli eventuali incentivi per le auto elettriche anche in Italia.