Jaguar Land Rover, allo studio una fabbrica per produrre batterie

La Casa britannica vorrebbe creare una partnership con Bmw e Ford per realizzare un impianto specializzato nella produzione di batterie.

Il Gruppo Jaguar Land Rover è alla ricerca di una inedita partnership con uno o più costruttori internazionali con l'obiettivo di realizzare un nuovo impianto dove produrre batterie a litio dedicate ad auto ecosostenibili.

Queste indiscrezioni sono state riportate dall'autorevole Automotive News che ha ripreso a sua volta la notizia dal tabloid inglese Sunday Tmes.  Le informazioni parlano di un tavolo di discussione aperto con Ford e Bmw, con lo scopo di avviare una collaborazione di questo tipo.

La location dell'impianto risulta ancora sconosciuta, il Gruppo inglese non sembra abbia deciso se realizzarlo nel Regno Unito o all'estero. Le nuove batterie firmate dalla Casa inglese serviranno per lo sviluppo di nuovi veicoli "verdi" che aiuteranno il Costruttore a rispettare i limiti sempre più restrittivi relativi alle emissioni inquinanti, inoltre  un altro obiettivo non troppo nascosto è quello di competere nel settore delle auto elettriche di lusso, guidato negli ultimi tempi dalla Tesla.

Se vuoi aggiornamenti su LAND ROVER inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 26 luglio 2016

Altro su Land Rover

Range Rover Reborn, il restauro perfetto a Rétromobile 2017
Curiosità

Range Rover Reborn, il restauro perfetto a Rétromobile 2017

Durante la kermesse francese la divisione auto classica di Land Rover svela l'ultima creazione del programma di restauro Reborn.

Range Rover Velar: in arrivo il nuovo SUV-Coupé
Anteprime

Range Rover Velar: in arrivo il nuovo SUV-Coupé

Il SUV-coupé sfiderà la concorrenza teutonica e completerà la gamma. Forse il debutto già al Salone di Ginevra.

Land Rover Discovery Sport, nuove consegne alla Polizia
Play

Land Rover Discovery Sport, nuove consegne alla Polizia

Un nostro lettore ha fotografato una bisarca piena di Land Rover Discovery Sport in consegna alla Polizia di Stato