Russia: Putin guida una Renault di F1

Il primo ministro russo Vladimir Putin ha testato una Renault di Formula 1. Durante il test drive avrebbe toccato la velocità di 240 km/h

Putin guida una Formula 1

Altre foto »

Che al leader russo Vladimir Putin piacessero le emozioni forti, non c'erano dubbi. Dopo esser salito a bordo di un caccia e di un sottomarino ed aver partecipato alla caccia alla tigre, è ora la volta della Formula 1. L'inquilino del Cremlino ha infatti provato una monoposto Renault del 2006 su un circuito vicino San Pietroburgo.

Putin ha dimostrato discrete doti da pilota, oltre che una passione per la velocità, dato che ha raggiunto varie volte i 240 km/h, rimanendo al volante per alcune ore. Con l'occasione, il premier ha anche fatto pratica su una Taurus Renault 2 litri, con una Renault V6 3,5 litri pre 2005.

Secondo alcuni, il grande spiegamento di stampa in occasione della prova avrebbe avuto lo scopo di promuovere Mosca come futura sede di un Gran Premio di Formula 1. Grande ritorno d'immagine anche per Renault, che insieme a Nissan è presente in Russia con una partecipazione della Avtovaz (che fabbrica la Lada) e che attualmente ha nel suo team di F1 Vitalij Aleksandrovic Petrov, il primo pilota russo ad entrare nella massima serie.

Se vuoi aggiornamenti su RUSSIA: PUTIN GUIDA UNA RENAULT DI F1 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 08 novembre 2010

Vedi anche

Forza Horizon 3: il DLC Blizzard Mountain arriva a dicembre

Forza Horizon 3: il DLC Blizzard Mountain arriva a dicembre

Neve, ghiaccio, freddo e condizioni al limite caratterizzeranno Blizzard Mountain, il DLC per Forza Horizon 3 in arrivo a dicembre.

Calendario Pirelli 2017, la bellezza nella sua forma naturale

Calendario Pirelli 2017, la bellezza nella sua forma naturale

L’obiettivo dell’edizione 2017 del Calendario Pirelli è quella di rappresentare la bellezza naturale, senza alterazioni.

Seat: arriva il car sharing per i dipendenti

Seat: arriva il car sharing per i dipendenti

Sarà un progetto pilota denominato Connected Sharing