Sfida nel tempo: AMG oggi vs. AMG ieri

Testa a testa fra la 300 SEL 6.8 AMG del 1971 e la S63 AMG col nuovo V8 attesa per settembre. Potenza “bruta” di ieri e “addomesticata” di oggi

Sfida nel tempo: AMG oggi vs. AMG ieri

di Francesco Giorgi

13 giugno 2010

Testa a testa fra la 300 SEL 6.8 AMG del 1971 e la S63 AMG col nuovo V8 attesa per settembre. Potenza “bruta” di ieri e “addomesticata” di oggi

Comparativa fra due modelli distanti 40 anni tra loro. L’idea è di Mercedes: 300 SEL 6.8 AMG del 1971 preparata in configurazione Gruppo 2 contro S63 AMG equipaggiata con il nuovo 5,5 litri biturbo V8 M157 atteso al debutto per settembre.

Luogo della sfida: i 7 km del circuito di Spa – Francorchamps, ovviamente nella sua versione ridotta rispetto alla configurazione lunga da 14 km oggi non più utilizzata. La scelta non è casuale: alla 24 Ore che si disputò nel 1971 sul circuito delle Ardenne, per la 300 SEL 6.8 AMG arrivò il secondo posto assoluto, risultato più prestigioso di una carriera quasi da meteora, durata solo un paio di stagioni e una manciata di gare, interrotta solo dal cambio dei regolamenti che impedirono la partecipazione alle gare Turismo più importanti delle vetture da oltre 5 litri.

E per la enorme berlina preparata ad Affalterbach (sul corpo vettura della 300 SL, alla fine degli anni ’60 la tre volumi tedesca più potente sul mercato il V8 da 6,3 litri venne portato a 6800 cc e da 250 a ben 428 CV con una velocità massima di 265 km/h) scese un oblio durato più di 30 anni.[!BANNER]

 

Ricostruita nel 2006, questo esemplare unico è stato portato ad alcune rievocazioni. E, nei giorni scorsi, ha “passato il testimone” alla nuova S63 AMG. Tra l’una e l’altra, facendo la somma, si contano quasi 1000 CV, 972 per la precisione (428 CV della 6,8 più i 544 CV della S63). Quanto a prestazioni, siamo sulla stessa frequenza. La 300 SEL 6.8 AMG è un concentrato di potenza bruta. Il 6,3 litri d’origine è stato completamente rivisto e ricostruito ex novo dai tecnici di Affalterbach, allo scopo di produrre più potenza possibile.

Il 5,5 litri V8 a doppio turbocompressore della S63 è mostruoso anch’esso: 544 CV e 800 Nm di coppia massima per 250 km/h e 4,5 secondi nel passaggio 0-100, che possono diventare 571 per una coppia di 900 Nm grazie all’AMG Performance Package che aumenta la pressione dei due turbo da 1,0 a 1,3 bar per 300 km/h e 4,4 secondi da 0 a 100.

Nonostante ciò, anche i consumi sono stati tenuti d’occhio: secondo i tecnici AMG, la S63, equipaggiata con il cambio Speedshift MCT a 7 rapporti, permette un consumo medio di circa 10,5 litri per 100 km grazie all’utilizzo di sistemi quali l’accumulo dell’energia cinetica nella batteria e lo Start-Stop.