Google Car, fermata dalla polizia perché troppo lenta

La vettura a guida autonoma di Google è stata fermata dalla Polizia locale perché intralciava la viabilità a causa della velocità limitata.

Un esemplare della Google Car, celebre prototipo a guida autonoma, è stato fermato dalla polizia perché procedeva ad una velocità troppo bassa. L'episodio è accaduto nei pressi di Mountain View, in California, dove un prototipo di  "Big G" è stato costretto ad accostare su richiesta di un agente della polizia locale, dopo che quest'ultimo si era accorto che dietro la vettura a guida autonoma si era formata una lunga fila di auto. L'ingorgo si era creato perché la Google Car procedeva ad una velocità di 24 miglia orarie (38,6 km/h), su una strada dove il limite consentito risulta di 35 miglia (56,3 km/h).

Non avendo infranto il codice della strada, la vettura del Colosso americano non è stata multata, ma il poliziotto ha però segnalato al dipendente di Google presente a bordo dell'automobile di prestare più attenzione all'articolo 22400(a) del codice della strada californiano che stabilisce di effettuare uno stile di guida e una velocità adeguata, in modo da non creare problemi alla normale  circolazione.

Se vuoi aggiornamenti su GOOGLE CAR, FERMATA DALLA POLIZIA PERCHÉ TROPPO LENTA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 13 novembre 2015

Vedi anche

Forza Horizon 3: arriva la Xbox One S Audi R8 Edition

Forza Horizon 3: arriva la Xbox One S Audi R8 Edition

Microsoft festeggia il debutto in Germania di Forza Horizon con una versione speciale della Xbox One S dedicata alla Audi R8.

Smart Fortwo per la Polizia di New York

Smart Fortwo per la Polizia di New York

La Polizia di New York ha scelto la Smart Fortwo per integrare il proprio parco veicoli in dotazione agli agenti in servizio.

Toyota, punta sulla cultura della sicurezza

Toyota, punta sulla cultura della sicurezza

La Casa dei tre ellissi ha organizzato un road show per affrontare il delicato ed importante tema della sicurezza sul lavoro.