Infiniti ha rischiato la chiusura da parte di Nissan

Nissan avrebbe pensato seriamente alla chiusura di Infiniti negli anni scorsi. Lo rivela il vicepresidente del gruppo giapponese.

Infiniti ha rischiato la chiusura da parte di Nissan

Tutto su: Infiniti

di Giuseppe Cutrone

25 gennaio 2013

Nissan avrebbe pensato seriamente alla chiusura di Infiniti negli anni scorsi. Lo rivela il vicepresidente del gruppo giapponese.

Infiniti, marchio di lusso appartenente a Nissan, avrebbe potuto scomparire dal mercato negli scorsi anni. La notizia è relativa ad un’ipotesi che in passato fu vagliata da una parte dei vertici del costruttore giapponese.

Il vicepresidente di Nissan, Andy Palmer, ha infatti confermato in una recente intervista che qualche tempo fa, lo stesso CEO del gruppo, Carlos Ghosn, gli aveva chiaramente spiegato che Nissan non ha necessariamente bisogno di Infiniti e potrebbe far bene anche tagliando il marchio di lusso.

>> Guarda le immagini del SUV Infiniti JX

Infiniti non aveva centrato i risultati previsti ed è quindi stato ad un passo dalla chiusura. Tuttavia, il marchio si è salvato grazie alla volontà di Palmer, il quale ha spinto per tenere vivo il brand concedendogli una maggiore autonomia.

La strategia di Palmer per rendere Infiniti vincente e non farlo diventare un peso per Nissan è quella di emulare quanto fatto da Volkswagen con Audi. Il manager ha sottolineato come il legame tra il gruppo di Wolfsburg e la casa dei Quattro Anelli sia impostato per tenere le giuste distanze, senza che la natura popolare di Volkswagen penalizzi l’immagine di lusso che appartiene ad Audi.

Da questa visione d’insieme è nata una ristrutturazione ai vertici di Infiniti, che è passata per la nomina di Johan de Nysschen, ex numero uno di Audi USA, a presidente del marchio giapponese, per arrivare fino alla creazione di nuovi modelli, come le Infiniti JX e Q50, e alla dislocazione degli uffici ad Hong Kong.