Ritorna la Honda CRX, ma stavolta è ibrida

Sotto forma di concept la Honda presenta al Salone di Tokyo la CR-Z: una vettura che strizza l’occhio alla fortunata CRX del passato

Ritorna la Honda CRX, ma stavolta è ibrida

di Francesco Giorgi

01 ottobre 2009

Sotto forma di concept la Honda presenta al Salone di Tokyo la CR-Z: una vettura che strizza l’occhio alla fortunata CRX del passato

.

Il sistema ibrido Integrated Motor Assist della Honda sarà trasferito pari pari nella nuova CR-Z, la coupé che si prepara ad un gradito ritorno, dopo oltre un decennio di assenza, e che sarà mostrata in anteprima ufficiale al Salone di Tokyo, che aprirà i battenti il 24 Ottobre.

Dal punto di vista estetico, per la CR-Z 2009, creata con il preciso intento di riprendere le forme che caratterizzarono la fortunata coupé CRX, prodotta fra il 1988 e il 1991, occorre rimarcare una certa perdita di armonia nelle forme rispetto alla concept presentata al Salone di Tokyo del 2007, dalla quale deriva in linea retta la coupé di prossima commercializzazione. Di primo acchito, le proporzioni si direbbe che rispettino l’andamento proposto per la prima versione del prototipo che venne esposta alla kermesse di due anni fa.

In realtà, si nota che l’opera del Centro Stile della Casa giapponese ha portato a una modifica piuttosto vistosa al corpo vettura, in special modo nel profilo laterale e nella parte posteriore, mentre l’anteriore risulta già più fedele alla concept del 2007.

Allo stato attuale, nulla si può dire riguardo agli interni, che si presentano nella veste di prototipo: è lecito supporre, anzi, che saranno rivisti per la versione che entrerà nei listini della Honda.

La ghiotta novità sarà a livello di meccanica: per la sportiva giapponese, che sarà svelata al Salone di Tokyo per essere messa in vendita, inizialmente nel mercato interno, entro la fine del prossimo anno, il “cuore” sarà doppio. La propulsione, infatti, sarà fornita da un motore termico e da una unità elettrica.

L’intero gruppo è derivato da quello utilizzato dalla Honda Insight, in commercio dall’inizio della scorsa primavera: si tratta dell’unità Integrated Motor Assist (IMA), formata dal motore termico i-VTEC (la cui cilindrata, per la CR-Z Sports Hybrid, viene portata da 1300 a 1500 cc per una potenza che passa da 98 a 130 CV) a due valvole per cilindro con comando a fasatura variabile accoppiato al nuovo sistema di accensione sequenziale a doppia candela i-DSI (per ottimizzare la comustione del carburante e minimizzare il dispendio di energia); al 1500 di origine Insight è abbinato il sistema Stop and Go, che spegne in maniera automatica il motore quando si ferma la vettura e lo fa ripartire non appena si stacca la frizione per l’innesto della “prima”.

Al 1500 cc a benzina è accoppiato il motore elettrico che fornisce energia quando si richiedono prestazioni maggiori alla vettura e ha la funzione di generatore durante le fasi di decelerazione e frenata attraverso l’immagazzinamento dell’energia cinetica che viene trasformata in energia elettrica.