Silex Chreos: l’ammiraglia elettrica del futuro

Arriva da Malta una concept car particolare: è la Silex Chreos, ammiraglia elettrica da 640 cavalli e 300 km/h con autonomia di 1.000 km.

Silex Chreos: l'ammiraglia elettrica del futuro

di Giuseppe Cutrone

18 febbraio 2013

Arriva da Malta una concept car particolare: è la Silex Chreos, ammiraglia elettrica da 640 cavalli e 300 km/h con autonomia di 1.000 km.

Un nuovo prototipo di auto elettrica si aggiunge alla lista dei tanti modelli a zero emissioni presentati negli ultimi tempi, con la sola particolarità che stavolta la vettura non arriva da un costruttore di auto, bensì da una società attiva nel settore dell’energia.

A mostrare la sua proposta a zero emissioni è infatti l’azienda energetica maltese Silex, che ha realizzato una concept per prefigurare una futura berlina di lusso caratterizzata dalla propulsione elettrica.

>> Guarda le immagini della Silex Chreos

La vettura si chiama Silex Chreos e, sebbene sia attualmente un semplice progetto virtuale, l’azienda assicura di essere intenzionata a portarla in fase di produzione entro tre anni con l’ambizioso obiettivo di rivoluzionare la mobilità elettrica, per la quale, usando le parole di Silex, dovrebbe rappresentare letteralmente “l’alba di una nuova era”.

Almeno sulla carta, la Chreos ha effettivamente le carte in regola per fare bene. A un aspetto imponente ed elegante si associa infatti un corpo vettura leggero realizzato interamente in fibra di carbonio, oltre ad un motore elettrico in grado di erogare 640 cavalli e un’impressionante coppia di 4.400 Nm, assicurando prestazioni stimate in una velocità massima autolimitata elettronicamente a 300 km/h e uno scatto da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi.

A sorprendere è anche l’autonomia, che secondo Silex raggiungerebbe i 1.000 chilometri viaggiando a una velocità di 125 km/h, mentre le batterie sarebbero ricaricabili in meno di 10 minuti. Si tratta insomma di una vettura bella, potente, leggera e a bassissimo impatto ambientale: che sia questo il prototipo dell’auto “perfetta”?