RC Auto: attenzione alle compagnie fantasma

L'Isvap, l'istituto di controllo delle assicurazioni, ha reso noto i dati di una compagnia non abilitata a sottoscrivere polizze RC Auto in Italia.

L'Isvap, l'istituto nazionale di controllo delle imprese assicuratrici, ha più volte ha reso noto che la società Euroins Romania Asigurare Reasigurare s.a., azienda con sede legale a Bucarest (Romania) non fa parte delle compagnie abilitate all'esercizio dell'attività assicurativa sul territorio italiano per quanto riguarda l'assicurazione obbligatoria della responsabilità civile degli autoveicoli.

Con questa comunicazione rivolta a tutti gli automobilisti della Penisola, l'Isvap vuole mettere in guardia gli utenti che l'eventuale sottoscrizione di contratti di copertura assicurativa rc auto con tale azienda sono nulli e pertanto, in caso di sinistro, non ci sarebbero risarcimenti. Per gli intermediari, invece, significherebbe svolgere un'attività non consentita in base alle vigenti norme del settore.

L'autorità nazionale suggerisce poi a tutti i cittadini di verificare, prima di stipulare contratti d'assicurazione, che l'azienda che li emette sia autorizzata allo svolgimento di tale attività e sia iscritta all'albo delle imprese, che è consultabile anche sul sito internet www.isvap.it.

Se vuoi aggiornamenti su RC AUTO: ATTENZIONE ALLE COMPAGNIE FANTASMA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 19 gennaio 2011

Vedi anche

Gruppo FCA: per il ministro del Delrio i diesel sono in regola

Gruppo FCA: per il ministro del Delrio i diesel sono in regola

Il Ministro dei Trasporti Delrio, in un audizione alla Camera ha voluto mettere fine alla polemica tra la il Governo tedesco e FCA.

FCA: utile record di 1,8 miliardi nel 2016

FCA: utile record di 1,8 miliardi nel 2016

Tra i marchi Jeep ha avuto un aumento del 9%

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

L’eletto presidente repubblicano incontra i vertici Fca, Ford e General Motors: al primo posto la difesa del lavoro negli Stati Uniti.