De Tomaso: L3 Holding si aggiudica il marchio

Con un'offerta di 2.050.000 euro la cordata svizzero - lussemburghese si aggiudica i marchi De Tomaso. I dettagli del piano industriale.

De Tomaso Deauville al Salone di Ginevra 2011

Altre foto »

E' L3 Holding, cordata svizzero-lussemburghese (conosciuta dagli appassionati di motorsport perché controlla Lotus in F1) la holding che si è aggiudicata i marchi De Tomaso e il prototipo Deauville. La sua offerta, presentata all'udienza nel Tribunale Civile di Torino, ha raggiunto 2.050.000 euro. Niente da fare per la cinese Ideal Time e per l'ambizioso progetto tutto italiano Eos, formato da un gruppo di professionisti che provengono da diversi settori.

L'asta, indetta dal giudice Giovanna Dominici, partiva da 570.000 euro offerti da L3 Holding, subito supeati in un primo momento da Eos, che presentava sul piatto 580.000 euro e che si è fermata a 900.000.

La differenza fra L3 e gli altri due contendenti stava nel fatto che l'offerta svizzero-lussemburghese presentava anche un piano industriale: nello specifico, si tratta di sfruttare il proprio know how nella produzione di componenti in fibra di carbonio, e procedere all'assunzione - così indica il piano industriale L3 Holding - di almeno 360 lavoratori entro il 2021, per arrivare a pieno regime alla produzione di 4.500 vetture sportive a due posti.

Se vuoi aggiornamenti su DE TOMASO: L3 HOLDING SI AGGIUDICA IL MARCHIO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 19 marzo 2015

Vedi anche

Guida autonoma: grave incidente per una Google Car

Guida autonoma: grave incidente per una Google Car

Un'auto a guida autonoma di Google è stata protagonista di un incidente a Mountain View.

Tommy 2.0, il dissuasore che protegge i parcheggi per i disabili

Tommy 2.0, il dissuasore che protegge i parcheggi per i disabili

Ideato dal giornalista Gianluca Nicoletti, questo geniale dispositivo dovrebbe presto diffondersi sulle strade del 1° Municipio di Roma.

Apple punta alla McLaren, ma la Casa di Woking smentisce

Apple punta alla McLaren, ma la Casa di Woking smentisce

L'azienda di Cupertino potrebbe acquisire la McLaren per usufruire delle sue tecnologie e puntare alla guida autonoma.