Taxi indiani: la Tata Nano sostituisce l’Ape

Il governo dello Stato di Bangalore, in India, potrebbe acquistare 10.000 Tata Nano da impiegare come taxi. I vecchi Ape andrebbero in pensione

Taxi indiani: la Tata Nano sostituisce l'Ape

di Andrea Barbieri Carones

19 luglio 2010

Il governo dello Stato di Bangalore, in India, potrebbe acquistare 10.000 Tata Nano da impiegare come taxi. I vecchi Ape andrebbero in pensione

Il governo dello stato indiano con Bangalore potrebbe acquistare 10.000 Tata Nano da impiegare come taxi nella metropoli del sud del Paese, mandando in pensione i vecchi risciò a motore Ape car, i vecchi 3 ruote indistruttibili di fabbricazione italiana che tanto hanno spopolato in alcuni paesi asiatici.

L’obiettivo del’autorità metropolitana dei trasporti (Bmtc) potrebbe pertanto fare un ordine multi milionario all’azienda indiana con sede a Mumbai e dotare le auto pubbliche locali di mezzi di trasporto più sicuri, più veloci e soprattutto meno inquinanti e più risparmiosi, soprattutto se venisse introdotta la versione ibrida attualmente ancora allo studio.

“Il governo dello stato del Karnataka – ha detto il ministro dei Trasporti – concederà ai taxisti questi veicoli con la formula del leasing. Il Btmc, poi, si occuperà di fissare le tariffe e di installare il tassametro, anche se per ora la notizia non è stata confermata.[!BANNER]

La Nano costa addirittura poco meno di un’Ape car, oltre a essere più spaziosa e confortevole pur sollevando qualche perplessità riguardo alla sua manovrabilità rispetto ai vecchi 3 ruote, molto più agili a divincolarsi fra pedoni, biciclette e mucche sacre.