Tariffe RC Auto sempre più care

Negli ultimi mesi le tariffe assicurative RCA sono aumentate mediamente del 15%. La denuncia di Adusbef e Federconsumatori

E' sempre più caro muoversi in Italia: dopo l'aumento della benzina e delle tariffe autostradali, dopo l'aumento esponenziale del biglietto del treno ad alta velocità ecco le tariffe RC Auto, la polizza obbligatoria per auto e motoveicoli che copre i danni fatti a terzi durante la circolazione stradale.

Adusbef e Federconsumatori hanno rilevato rincari del 15% al punto che hanno richiesto l'intervento dell'Isvap  - l'istituto di controllo delle compagnie di assicurazione che operano in Italia - e del Ministero dello Sviluppo Economico.

E' stato calcolato infatti che anche quando un assicurato non provoca sinistri l'aumento del premio assicurativo in media è di circa 130 euro l'anno su base nazionale.

Elio Lannutti e Rosario Trefiletti, ai vertici delle due associazioni, chiedono che il governo intervenga decretando un blocco tariffario e detassando gli stipendi dei dipendenti a reddito fisso. "Dal momento della sua liberalizzazione nel 2007 gli aumenti sono stati del 171%. Troppo per la gran parte degli italiani".

Da parte nostra ci auguriamo che gli eventuali interventi si rivelino davvero efficaci anche perché in passato le "manovre tampone" spesso non hanno portato benefici tangibili per i consumatori.

Se vuoi aggiornamenti su TARIFFE RC AUTO SEMPRE PIÙ CARE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 06 aprile 2010

Vedi anche

Gruppo FCA: per il ministro del Delrio i diesel sono in regola

Gruppo FCA: per il ministro del Delrio i diesel sono in regola

Il Ministro dei Trasporti Delrio, in un audizione alla Camera ha voluto mettere fine alla polemica tra la il Governo tedesco e FCA.

FCA: utile record di 1,8 miliardi nel 2016

FCA: utile record di 1,8 miliardi nel 2016

Tra i marchi Jeep ha avuto un aumento del 9%

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

Trump ai big three di Detroit: "investire negli Usa"

L’eletto presidente repubblicano incontra i vertici Fca, Ford e General Motors: al primo posto la difesa del lavoro negli Stati Uniti.