Posteggiatore abusivo? Assolto, si può fare

Una sentenza della Corte di Cassazione revoca i domiciliari a un parcheggiatore abusivo di Catania accusato di minacce ed estorsione

Posteggiatore abusivo? Assolto, si può fare

di Lorenzo Stracquadanio

02 aprile 2010

Una sentenza della Corte di Cassazione revoca i domiciliari a un parcheggiatore abusivo di Catania accusato di minacce ed estorsione

Con una sentenza che farà discutere la Corte di Cassazione ha annullato gli arresti domiciliari nei confronti di un parcheggiatore abusivo di Catania, denunciato da una coppia che si era vista pretendere un euro per poter uscire dal parcheggio in cui aveva lasciato l’auto.

I giudici della Corte hanno infatti stabilito come eccessiva la misura cautelare dei domiciliari per l’uomo su cui pendeva l’accusa di minacce e tentata estorsione e per cui lo stesso aveva presentato ricorso. Secondo i magistrati infatti il signor M.B. nell’occasione, si legge nella motivazione della sentenza, “offriva un servizio ben accetto e ritenuto a livello diffuso della cittadinanza, indispensabile in quel luogo, proprio per poter usufruire tranquillamente del posteggio dell’autovettura”.[!BANNER]

A provarlo direttamente il fatto che al parcheggiatore venivano lasciate le chiavi delle automobili in sosta per eseguire le manovre di parcheggio; una pratica ormai “d’uso consolidato in talune città d’Italia”.