Reato di omicidio stradale: approvata la legge

Il reato di omicidio stradale prevede fino a 18 anni di carcere per chi provoca un incidente mortale in condizioni gravemente alterate e non si ferma.

Con 149 voti favorevoli, 3 contrari e 15 astenuti, il Senato ha approvato il provvedimento che introduce il reato di omicidio stradale, ma anche pene più severe per i "pirati della strada" e l'arresto in flagranza per chi provoca un incidente mortale guidando ubriaco o sotto l'effetto di stupefacenti.

Con il reato di omicidio stradale viene introdotta una nuova fattispecie penale, che si colloca per gravità tra l'omicidio colposo e quello volontario. Un vero e proprio reato autonomo, che si presenta in tre varianti. Nel primo caso, cioè quando la morte viene causata violando il codice della strada, la pena rimane invariata rispetto a quanto già previsto: da 2 a 7 anni. Nella seconda ipotesi, cioè quando si aggiunge la guida in stato di ebbrezza (oltre 0,8 grammi per litro) o una condotta di guida particolarmente pericolosa (eccesso di velocità, guida contromano, infrazioni ai semafori, sorpassi e inversioni a rischio), è prevista la reclusione da 5 a 10 anni. La terza variante, in caso di guida in stato di ebbrezza grave (tasso alcolemico oltre 1,5 grammi per litro) o sotto effetto di droghe, vede la pena salire da 8 a 12 anni di reclusione. Quest'ultima pena si applica anche nell'ipotesi di guida in stato di ebbrezza lieve (oltre 0,8 gr/l) se l'omicida appartiene a categorie professionali come autisti di camion e autobus.

Pene più severe anche per il reato di lesioni stradali. In caso di guida in stato di ebbrezza lieve (oltre 0,8 gr/l) o guida pericolosa è prevista la reclusione da 6 mesi a 3 anni per lesioni gravi e da 2 a 4 anni per lesioni gravissime. Nell'ipotesi di guida in stato di ebbrezza grave (oltre 1,5 gr/l) o sotto l'effetto di droghe le pene aumentano: da 3 a 5 anni per lesioni gravi e da 4 a 7 anni per quelle gravissime.

Per arginare il fenomeno dei cosiddetti "pirati della strada", il decreto approvato prevede l'aumento di pena da uno a due terzi in caso di fuga (nell'ipotesi più grave dell'omicidio stradale la reclusione può arrivare così fino a 18 anni). La pena non può comunque essere inferiore a 5 anni nel caso di omicidio e a 3 anni nel caso di lesioni.

In caso di condanna o patteggiamento (anche con la condizionale) per omicidio o lesioni stradali viene automaticamente disposta la revoca della patente. Sarà nuovamente possibile conseguire la patente solo dopo 15 anni (in caso di omicidio) o 5 anni (lesioni), ma in caso di fuga dopo l'omicidio stradale, dovranno passare almeno 30 anni dalla revoca.

Infine, per il reato di omicidio stradale è previsto il raddoppio dei termini di prescrizione e l'arresto obbligatorio in flagranza nell'ipotesi più grave (tasso alcolemico oltre 1,5 gr/l o uso di droghe).

Se vuoi aggiornamenti su REATO DI OMICIDIO STRADALE: APPROVATA LA LEGGE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Tomelleri | 03 marzo 2016

Vedi anche

Proposta una giornata per commemorare le vittime della strada

Proposta una giornata per commemorare le vittime della strada

Il deputato Emiliano Minnucci ha depositato la proposta di legge alla Camera

Incidenti stradali: dopo 15 anni aumenta il numero dei morti

Incidenti stradali: dopo 15 anni aumenta il numero dei morti

I dati diffusi dall’Istat relativi ai decessi degli incidenti stradali nel 2015 risultano in aumento e decisamente allarmanti.

Fca: le autorità Usa indagano sui dati delle vendite. L

Fca: le autorità Usa indagano sui dati delle vendite. L'azienda: "Collaboriamo"

Il quartier generale di Auburn Hills perquisito dall'Fbi e dalla Sec. È la conseguenza della denuncia formulata a gennaio da un concessionario Fca.