USA: da Obama via libera agli incentivi rottamazione

Il Presidente degli Stati Uniti ha firmato il piano che prevede bonus fino a 4500 dollari per l’acquisto di vetture nuove e che consumano poco

USA: da Obama via libera agli incentivi rottamazione

di Francesco Giorgi

26 giugno 2009

Il Presidente degli Stati Uniti ha firmato il piano che prevede bonus fino a 4500 dollari per l’acquisto di vetture nuove e che consumano poco

.

L’atto definitivo, quello più importante, è stato firmato ieri, con la ratifica da parte del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama del piano di incentivi alla rottamazione che, per la prima volta nella storia dell’automobilismo, interesserà gli USA.

Dopo il vaglio da parte della Camera dei deputati e del Senato di Washington, e il “via libera” dato da Obama, a questo punto non resterà che attendere 30 giorni nei quali il Governo federale preparerà le linee guida del programma; il quale, peraltro, parte già “azzoppato” da una larga fetta di finanziamenti governativi: anziché quattro miliardi di dollari, il piano di incentivi alla rottamazione riceve, infatti, un solo miliardo (sufficiente, secondo quanto riportato dal Governo di Washington, per una prima tranche del programma, destinato a partire entro la fine di Settembre).

L’aspetto positivo di questa vicenda è che sono state rispettate le proposte iniziali, vale a dire l’incentivo di 3500 dollari per quanti consegneranno al concessionari la propria vecchia auto (che non potrà avere più di 25 anni “sulle ruote”) e il cui consumo, a ciclo medio, non supererà le 18 miglia per gallone (vale a dire meno di 7 km con un litro), per il ritiro di una vettura nuova che consumi, almeno, 22 miglia per gallone (circa 8 km con un litro).

Un “bonus” maggiorato a 4500 dollari sarà destinato per le vetture nuove che consumeranno almeno 32 miglia per gallone (circa 12 km con un litro).

La condizione per accedere agli sconti sarà la dimostrazione dell’avvenuta demolizione della vecchia auto operata dal concessionario stesso. Con questi valori, di certo non eccezionali, si permetterà di fare accedere agli incentivi anche i veicoli più pesanti, soprattutto i truck molto diffusi negli Stati Uniti.

No votes yet.
Please wait...