Ford annuncia 15.000 nuove assunzioni

Ford annuncia nuove assunzioni, continuando così i suoi piani che la condurranno a coprire tutti i principali segmenti di mercato.

Ford annuncia 15.000 nuove assunzioni

di Giuseppe Cutrone

10 January 2012

Ford annuncia nuove assunzioni, continuando così i suoi piani che la condurranno a coprire tutti i principali segmenti di mercato.

In un mercato come quello dell’auto che è da tempo in forte in crisi c’è spazio anche per le buone notizie, come ad esempio quella che arriva da Ford riguardante circa 15.000 nuove assunzioni a livello mondiale, di cui buona parte dovrebbe essere portata a termine entro il 2012.

La notizia è stata dall’amministratore delegato della casa americana Alan Mulally durante un suo intervento a margine del Salone di Detroit 2012 ed è frutto dell’intensa attività che Ford ha intenzione di mettere in atto nei prossimi mesi, quando verrà introdotto sul mercato un ampio numero di nuovi prodotti come mai era accaduto nella storia del marchio.

Le novità attese in casa Ford sono molte e vedono il costruttore impegnato a coprire praticamente tutti i principali segmenti del mercato, passando per la nuova Ford Fusion che anticipa anche la prossima Mondeo attesa in Europa entro il 2012, fino ad arrivare alla C-Max ibrida e all’inedito crossover compatto su base Fiesta Ford EcoSport.

In tutto, secondo quanto spiegato da Mulally, nel 2012 saranno avviate le catene di montaggio di cinque nuovi modelli elettrificati nel Nord America, con una produzione per i veicoli della sola piattaforma CD prevista in almeno 1 milione di esemplari all’anno.

Si tratta quindi di obiettivi ambiziosi che richiedono una forza lavoro adeguata, tanto da avviare una campagna per l’assunzione di 12.000 operai per gli stabilimenti americani, tra i quali 6.000 da assumere entro il 2012 e il resto nei prossimi anni.

Inoltre, in considerazione dell’espansione del marchio nei mercati emergenti dell’estremo oriente, ai nuovi lavoratori americani si aggiungeranno altri 3.000 nuovi posti di lavoro che si verranno a creare nell’area Asia-Pacifico, dove Ford intende fortificare la sua presenza rafforzando la produzione negli stabilimenti dislocati in quelle zone.