Honda, una small car per India e Tailandia

Nel 2011 il costruttore giapponese inizierà la commercializzazione di una super compact un po' più piccola della Jazz

Una small car della Honda per India e Thailandia

Altre foto »

Durante l'Auto show di Delhi, Honda Motor Co. ha reso noto che nel 2011 lancerà nei mercati di India e Tailandia una small car, con il primario scopo di sottrarre quote di mercato in questo segmento a Suzuki che, da sola, rappresenta quasi i due terzi delle vendite nel subcontinente.

Il nuovo modello, di cui non sono ancora stati rivelati i dettagli anche se dovrebbe essere venduta al prezzo base di 8.000 Euro, sarà molto simile alla concept car presentata al salone della capitale indiana e tarato su misura per le esigenze di questi due Paesi. Si tratterebbe di un modello ancora più compatto della Jazz, disponibile per gli indiani da giugno dello scorso anno. Il 2009 non è andato molto bene per il costruttore di Tokyo, visto che le vendite sono calate del 16% posizionandolo al 4° posto nel Paese dopo Suzuki, Hyundai e Tata Motors.

In India, Honda opera attraverso una joint venture con Siddharth Shriram Group. La competizione tra le principali case automobilistiche mondiali per entrare nel mercato indiano, per il quale son previste crescite molto importanti, entra dunque nel vivo.

Se vuoi aggiornamenti su HONDA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Barbieri Carones | 05 gennaio 2010

Altro su Honda

Nuova Honda Civic 5 porte 2017 al Salone di Los Angeles
Anteprime

Nuova Honda Civic 5 porte 2017 al Salone di Los Angeles

Honda si prepara a lanciare la versione due volumi cinque porte della rinnovata Civic.

Honda: svelate le novità dedicate al SEMA di Las Vegas
Tuning

Honda: svelate le novità dedicate al SEMA di Las Vegas

Al Sema di Las Vegas protagoniste numerose versioni dell’Honda Civic e del pick-up Honda Ridgeline.

Honda: un milione di auto ecosostenibili entro il 2030
Ecologiche

Honda: un milione di auto ecosostenibili entro il 2030

La Casa dell’Ala punta ad una data più abbordabile per raggiungere l’obiettivo di un milione di vetture attente all’ambiente.