McLaren P13: il debutto a Ginevra

In arrivo una McLaren per competere con la Porsche 911.

McLaren P13: il debutto a Ginevra

di Valerio Verdone

27 gennaio 2014

In arrivo una McLaren per competere con la Porsche 911.

La McLaren vuole crescere, conquistare nuove quote di mercato e ampliare il suo bacino d’utenza, per questo al Salone di Ginevra 2014 ospiterà al suo stand la nuova sportiva denominata P13. Ovviamente, non sarà questo il nome definitivo, ma per adesso non possiamo far altro che attenerci a questa terminologia per identificarla.

Sarà una sportiva compatta, che ha intenzione di rivaleggiare con una vera e propria icona, ovvero la Porsche 911. L’idea è quella di posizionarla al di sotto della MP4 12C, e di costruirne inizialmente 2.000- 2.500 unità l’anno per poi arrivare a circa 4.500 quando verranno lanciate le varianti spyder e ultra sportiva, coma la 911 GT3, tanto per intenderci.

Più compatta della MP4 12C, la P13, punta su un coinvolgimento alla guida ancora più estremo, quindi una sportività pura e senza compromessi, anche se le prestazioni, inferiori alla sorella maggiore, scongiurano un’eventuale concorrenza tra i due modelli.

Sottopelle ci sarà il V8 biturbo da 3,8 litri, accoppiato ad un [glossario:cambio-a-doppia-frizione] con 7 marce. La potenza stimata va dai 450 CV ai 500 CV, mentre l’accelerazione da 0 a 100 km/h dovrebbe essere coperta in meno di 4 secondi e la velocità massima potrebbe toccare una punta di circa 300 km/h.

Insomma, ce n’è abbastanza per andare forte e divertirsi tra le curve, ovviamente in pista, considerando che le dimensioni compatte ed un peso inferiore ai 1.400 kg sono una manna per l’handling. La 911 dunque è avvisata e anche la nuova coupé AMG e la futura Audi R8 avranno una degna rivale con cui confrontarsi.

Per quanto riguarda il prezzo, si parla di circa 145.000 euro, ma per ulteriori dettagli aspettiamo di vederla al prossimo Salone di Ginevra, quando finalmente potremmo valutarne anche le forme che, come avverrà presto anche per la MP4 12C, saranno fortemente influenzate dalla cattivissima P1.