Fiat Panda 4×4 al Salone di Parigi 2012

Arriva a Parigi la nuova Panda 4×4, disponibile in versione trekking e con motorizzazioni benzina Twin Air e diesel Multijet.

Fiat Panda 4x4 al Salone di Parigi 2012

Tutto su: FIAT Panda

di Simonluca Pini

30 agosto 2012

Arriva a Parigi la nuova Panda 4×4, disponibile in versione trekking e con motorizzazioni benzina Twin Air e diesel Multijet.

La nuova Fiat Panda 4×4 debutta al Salone di Parigi 2012, in programma dal 29 settembre al 14 ottobre. Arrivata alla terza generazione, la prima versione fu presentata quasi 30 anni fa, la Panda 4×4 conferma come sia possibile unire dimensioni compatte a ottime doti in fuoristrada. Tra le motorizzazioni disponibili non mancherà la motorizzazione bicilindrica Twinair 0.9 turbo da 85 cavalli.

Fiat Panda 4×4 dimensioni

La nuova versione a quattro ruote motrici della Fiat Panda è lunga 368 centimetri, larga 167, alta 160 cm, con un passo di 230 cm mentre la carreggiata anteriore misura 141 centimetri e quella posteriore 140. Realizzato dai designer del Centro Stile Fiat il design è caratterizzato da paraurti anteriori e posteriori dalle linee marcate, impreziositi con dettagli color alluminio e abbinati alla protezione metallica sotto-scocca. Rispetto al modello che va a sostituire, sulla nuova Panda 4×4 i codolini offrono una protezione completa della parte bassa della vettura. Scegliendo il look 4×4 si potrà optare per i nuovi colori esterni arancio Sicilia pastello e verde Toscana metallizzato.

Fiat Panda 4×4 Interni

Salendo a bordo della Panda a trazione integrale l’ambiente si differenzia dagli interni della versione a due ruote motrici grazie ai sedili nelle varianti di colore verde, beige e arancio con dettagli in eco-pelle, nuovo vano portaoggetti nel tunnel centrale, pannelli porta con inserti in eco-pelle ed una nuova variante verde per la fascia che incornicia strumentazione e tascone porta-oggetti. La dotazione comprende  climatizzatore manuale, radio CD/MP3, retrovisori elettrici, chiusura centralizzata con telecomando a distanza, poggiatesta posteriori e cerchi in lega bruniti da 15 pollici su pneumatici 175/65 M+S.

Trazione integrale Fiat Panda 4×4

L’ultima nata di casa Fiat è abbinata ad un sistema di trasmissione Torque on Demand a due differenziali con giunto controllato elettronicamente. La trazione integrale permanente è gestita da una centralina elettronica in grado di ripartire la trazione sui due assali anteriore e posteriore in funzione delle condizioni  di aderenza del fondo stradale. Priva di manutenzione e completamente automatica, la trazione integrale della Panda è abbinata di serie al sistema di controllo della stabilità ESC completo di funzione ELD (Electronic Locking Differential). L’ELD  aiuta il guidatore delle partenze su percorsi a scarsa aderenza come neve e ghiaccio frenando le ruote che perdono aderenza e trasferendo su quelle con maggior presa. E’ inseribile anche manualmente premendo il pulsante specifico ed agisce sotto la soglia dei 50 km/h.

Fiat Panda 4×4 motorizzazioni

Al momento del lancio la nuova Fiat Panda 4×4 è disponibile in abbinamento a due motorizzazioni entrambe dotate di Start&Stop di serie. Il listino si apre con il nuovo 0.9 benzina Twinair turbo da 85 cavalli; rispetto al 1.2 Fire l’unità bicilindrica garantisce un incremento  della coppia del 40%. A completare la gamma troviamo la motorizzazione diesel 1.3 Multijet II da 75 cavalli, aumentata nel valore di coppia massima del 30% rispetto al passato.

Fiat Panda 4×4 Trekking e Natural Power

Al Salone di Parigi 2012 debutteranno anche le nuove Fiat Panda Trekking e Natural Power. La prima rappresenta l’anello di congiunzione tra le versioni a due ruote motrici e la nuova 4×4, in quanto offre un look da “fuoristrada compatto” alla trazione anteriore Traction+. Si tratta di un controllo di trazione che aumenta la motricità su fondi a scarsa aderenza assicurando così la massima sicurezza in tutte le condizioni.  A completare la lista delle novità troviamo la nuova Fiat Panda Natural Power spinta dalla motorizzazione 0-9 Twinair turbo da 80 cavalli a doppia alimentazione benzina e metano, unendo le prestazioni del motore bicilindrico al risparmio e alla riduzione dell’inquinamento garantiti dal metano.