Aspid GT-21 Invictus

Motore BMW M3 (V8 da 4,4 litri e 450 CV) per la Aspid GT-21 Invictus, super-GT 2+2 che affianca la "roadster" SuperSport.

Aspid GT-21 Invictus

Altre foto »

Nel 2008 un gruppo di tecnici spagnoli, tutti con esperienza nei rally, realizzò in piccola serie la IFR Aspid, una super-GT compatta che strizza l'occhio al British style (corpo vettura affusolato e di piccole dimensioni, due posti secchi situati al retrotreno, lungo cofano motore, parafanghi "motociclistici" e sospensioni a doppi triangoli sovrapposti). Carta vincente del modello il rapporto peso-potenza: il motore Honda VTEC da 2 litri, rielaborato secondo le specifiche FIA Super 2000, sviluppa la bellezza di 400 CV e permette alla piccola e cattiva "biposto" di schizzare da 0 a 100 km/h in meno di 3 secondi.

Dalla IFR Aspid (chiamata anche "Aspid SuperSport"), in questi giorni viene comunicata una evoluzione progettuale. Si tratta della Aspid GT-21 Invictus, che riprende la filosofia concettuale della "roadster" e ne amplifica gli atout. Ovvero: leggerezza, potenza da vendere e sapore racing che sprizza da ogni millimetro del corpo vettura.

La Aspid GT-21 Invictus  - della quale sono state rese note le prime immagini ufficiali - differisce notevolmente dalla SuperSport, e non solo nell'impostazione del design. Se la "roadster" sembra una Lotus Seven (o Caterham) "ridisegnata" da Robocop, la GT-21 Invictus possiede una propria identità meglio definita.

La piattaforma rimane la stessa: telaio in alluminio con cellula di protezione in honeycomb integrata, caratterizzata da una estrema leggerezza (pesa 55 kg nella SuperSport, non dovrebbe essere molto più pesante nella Invictus: Aspid denuncia appena 79 kg), che rende la massa della coupé spagnola di poco superiore a 900 kg, nonostante l'abitacolo - in materiali compositi - sia da 2 posti + 2 (anziché due posti secchi) e, sotto il lungo cofano anteriore venga collocato un motore praticamente... raddoppiato rispetto alla SuperSport. Al posto dell'Honda VTEC da 2 litri, infatti, i tecnici di Aspid hanno installato il 4,4 litri V8 BMW (proprio quello che equipaggia la M3), che sviluppa 450 CV, abbinato - a scelta - a un cambio manuale a 6 rapporti o a un automatico a 7 rapporti e doppia frizione.

Le prestazioni dichiarate dal Costruttore sono sui livelli delle più performanti GT: la Aspid 21-GT Invictus raggiunge una velocità massima di 301 km/h e accelera da 0 a 100 km/h in meno di 3 secondi.

E' chiaro che lo sforzo industriale è notevole, soprattutto se si considera che Aspid è una piccola factory artigianale, nella filosofia dei micro - costruttori d'oltremanica. Con la GT-21 Invictus, il cui debutto sul mercato è fissato entro il 2014, a un ritmo di 250 unità all'anno (ciascuna delle quali potrà essere personalizzata dal cliente attingendo da un ampio catalogo), i dirigenti dell'azienda spagnola ritengono di poter fare il salto di qualità, da azienda di nicchia a competitor per le più blasonate GT europee.

I piani industriali resi noti dal fondatore e capo - progettista di Aspid, Ignacio Fernàndez - Rodriquez, a questo proposito, non lasciano nulla al caso: per il progetto GT-21 Invictus, l'azienda è in procinto di assumere 200 persone. La strategia, infatti, è di esportare il marchio Aspid anche al di fuori dell'Europa, e tentare la carta del mercato USA, dove si prevede che la domanda sia sufficiente.

Se vuoi aggiornamenti su ASPID GT-21 INVICTUS inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 17 luglio 2012

Vedi anche

Nissan Murano 2015: nuove immagini ufficiali

Nissan Murano 2015: nuove immagini ufficiali

Giunto alla terza generazione, il crossover giapponese sfoggia caratteristiche premium unite ad una serie di dispositivi legati alla sicurezza.

Acura ILX 2015, svelata al Salone di Los Angeles

Acura ILX 2015, svelata al Salone di Los Angeles

La berlina sportiva della Casa giapponese si rinnova nell’estetica e nei contenuti, portando al debutto un inedito propulsore da 201 CV.

Cadillac ATS-V Coupé: americana all

Cadillac ATS-V Coupé: americana all'europea

Promette prestazioni eccellenti grazie al primo biturbo realizzato per una V-Series Cadillac.