Salone di Francoforte 2017: tutte le novità

Nuove soluzioni “green”, un sempre più corposo approccio verso la guida autonoma: si basa su questi due pilastri l’edizione 2017 dell’IAA. Ecco i nuovi modelli in cartellone.

Il Salone di Francoforte 2017 si prepara ad entrare nel vivo: l’edizione numero 74 della rassegna – uno degli eventi più importanti, in Europa, per quanto riguarda il settore automotive – promette, quest’anno, una concreta accelerazione di anteprime “eco friendly”. Gli organizzatori dell’IAA hanno scelto come claim “Future Now”, a volere sottolineare il preciso indirizzo che sta prendendo il comparto auto: tecnologie “green” sempre più presenti sui taccuini delle priorità dei big player, in special modo legate allo sviluppo della propulsione elettrica.

All’appello di Francoforte 2017, spiccano… per la loro assenza alcuni grandi nomi (su tutti Alfa Romeo, Fiat e Jeep, ma anche DS e Peugeot, così come Infiniti, Mitsubishi, Nissan e Volvo); per contro, i “padroni di casa” VAG, Bmw, Daimler-Benz, Opel sono presenti in forze. Fiat-Chrysler, dal canto suo, espone Ferrari Portofino e la nuova lineup Maserati Ghibli; a queste, Lamborghini risponde con Aventador S Roadster.

Di seguito, la carrellata completa delle principali novità attese a Francoforte 2017.

Audi. Una delle aziende “di casa” al Salone di Francoforte presenta diverse novità, tutte rivolte ad un preciso sviluppo interpretativo delle tecnologie di guida di ultima generazione. I riflettori, nello specifico, sono puntati sulla nuova generazione di Audi A8, ammiraglia di Ingolstadt – proposta nelle due versioni A8 e A8L, ovvero a passo lungo – che si caratterizza per la presenza dei nuovi dispositivi “Audi AI” di guida semi-autonima (“Livello 3”); ma anche su due concept-laboratorio allestite per mettere in evidenza le caratteristiche tecniche dei futuri dispositivi di guida autonoma “Livello 4” e “Livello 5”. Attese all’IAA 2017 anche due inediti modelli sportivi “R” ed “RS”.

Bmw. C’è molta attesa nei confronti di X7 iPerformance Concept, inedito SUV “alto di gamma” chiamato ad anticipare le peculiarità powertrain della nuova lineup iPerformance: un approccio estetico che rinfresca l’appeal di immagine per la gamma “Sport Utility” di Monaco di Baviera, abitacolo da sei posti su tre file di sedili, un sofisticato modulo infotainment, pensato anche per gli occupanti i sedili posteriori e, sotto il cofano, una nuova motorizzazione ibrida plug-in costituiscono gli atout della concept in esposizione all’IAA. Accanto al nuovo SUV, Bmw espone la sportivissima M5 F90, allestita sulla piattaforma CLAR-CLuster Architecture che prevede un ampio utilizzo di acciai ad elevata resistenza, alluminio e magnesio, ed equipaggiata con l’unità 4.4 V8, generosamente aggiornata nei turbocompressori e nell’alimentazione, in modo da erogare una potenza di 600 CV e ben 750 Nm di coppia massima. Riguardo alle novità eco friendly, fa già parlare di se una conceptanticipata in un video lo scorso weekend – che prefigurerebbe un modello elettrico da posizionare, a breve termine, su un livello intermedio fra i3 e i8. E c’è di più: il taccuino della presenza Bmw all’IAA 2017 mette la spunta su altre novità: la i5 Concept, la supercoupé Serie 8 Concept e la interessante Z4 Concept, pronta a segnare il ritorno di Bmw fra le roadster.

Mercedes. Proseguendo (in ordine alfabetico) con i costruttori che a Francoforte fanno gli onori di casa, il marchio della Stella a Tre Punte si prepara all’esposizione di un ampio ventaglio di novità. Su tutte spicca la hypercar Mercedes-AMG Project One, equipaggiata con una power unit (non appaia pretenziosa questa denominazione: il modulo propulsore è, essenzialmente, derivato da quello della monoposto Mercedes W06 del 2015) che abbina l’unità 1.5 V6 turbo a due motori elettrici collegati al “termico” e al turbocompressore, nonché a due ulteriori unità a zero emissioni per l’avantreno: un progetto in chiave high performance per celebrare i cinquant’anni dalla fondazione di AMG. Il marchio di Affalterbach storico partner di Mercedes sarà presente anche nelle declinazioni AMG delle nuove Classe S Coupé e Cabriolet, nonché dell’”eterna” Classe G. Annunciati anche la inedita Mercedes GLC F-Cell EQ Power, prefigurazione di vettura full hybrid ad alimentazione fuel cell, e il pick-up Classe X. Da segnalare, inoltre, EQ A Concept, novità 100% elettrica di impostazione dichiaratamente sportiva (a giudicare dal teaser reso noto lo scorso fine settimana) e che mette in campo le innovative funzionalità di guida autonoma e propulsione elettrica CASE (Connected Autonomous Shared Electric) chiamate a costituire gli atout tecnologici del nuovo “sub-brand” EQ di Mercedes e che si concretizzerà con la presenza, all’IAA 2017, di Mercedes GLC F-Cell EQ Power.

Opel. Sotto i riflettori del comparto automotive europeo in virtù del recente passaggio dal Gruppo General Motors all’orbita PSA, il marchio di Russelsheim presenta, all’interno di una installazione battezzata “X-Ville” focalizzata sulle nuove tecnologie di mobilità, il SUV Grandland X (“Sport Utility” di medie dimensioni chiamato all’ambizioso ruolo di nuovo competitor nell’agguerrito segmento dei SUV compatti), secondo modello Opel sviluppato in partnership tecnica con PSA dopo Crossland X; e le nuove versioni GSi di Opel Insignia: un ritorno, quest’ultimo, alla sigla che dal 1984 caratterizza la prosuzione sportiva di Russlesheim.

Porsche. La “Cavallina di Zuffenhausen” espone, a Francoforte 2017, la terza generazione di Porsche Cayenne, anticipata nelle scorse settimane e dotata di un nuovo retrotreno direzionale: già disponibile alle ordinazioni, in Germania, con prezzi che partono da 74.828 euro, Cayenne MY 2018 viene declinata nelle versioni 3.0 V6 turbo da 340 CV ed “S”, equipaggiata con un nuovo 2.9 V6 biturbo da 440 CV. Accanto al rinnovato SUV, Porsche espone la 911 GT2 RS da 700 CV sprigionati dall’unità boxer 3.8 biturbo (svelata, lo scorso giugno, in occasione del Goodwood festival of Speed) e la 911 GT3 Touring Package.

Volkswagen. Riflettori puntati, all’IAA 217, su una “concept della concept”, ovvero la versione aggiornata di VW I.D. Crozz già esposta la scorsa primavera al Salone di Shanghai. La novità crossover a propulsione elettrica è attesa in una declinazione più vicina ad una futura produzione in serie (ricordiamo che Volkswagen ha, da tempo, comunicato un sostanzioso “new deal” a colpi di novità a zero emissioni, attese al debutto dal 2020), viene allestita sulla piattaforma MEB-Modularer Elektrische Baukasten sviluppata dal gruppo VAG per la nuova lineup elettrica, e porta in dote un motore elettrico su ciascuno degli assali, per una potenza totale di 306 CV e un’autonomia di 500 km. Accanto all’edizione-upgrade di I.D. Crozz, Volkswagen espone a Francoforte Amarok Aventura Exclusive Concept (prefigurazione di un modello high performance del pickup di Wolfsburg) e una serie speciale: Amarok Dark Label. Spazio anche a VW T-Roc, di recentissima anteprima: il primo crossover compatto nella storia di Wolfsburg affiancherà, in maniera complementare, la lineup Golf; e la nuova generazione di Volkswagen Polo, sesta serie della “supercompatta” di Wolfsburg svelata in anteprima lo scorso luglio.

Smart. Protagonista allo stand del marchio che fa capo a Daimler-Benz è Vision EQ Fortwo, avveniristico prototipo a propulsione elettrica e guida autonoma “Livello 5” (ovvero quello che permette ai dispositivi di bordo il completo controllo del veicolo, senza alcun intervento da parte del conducente: non a caso, volante e pedali sono assenti) che dovrebbe essere destinato – in virtù della presenza di algoritmi predittivi per raggiungere i clienti in funzione del traffico – ai servizi di car sharing Car2go.

Mini. Il marchio di Oxford – che fa capo al Gruppo Bmw – si prepara alla rassegna in programma nel complesso della Frankfurt Messe con due novità di rilievo, entrambe destinate a suscitare scalpore fra gli appassionati delle “kart-feeling” di oltremanica: ci si riferisce a Mini Electric Concept e a Mini John Cooper Works GP Concept, rispettivamente prototipo a zero emissioni (che sul mercato arriverà dal 2019) di nuova generazione; e studio relativo ad una “John Cooper Works” in versione pronto-corsa.

Seat. Come avevamo anticipato la scorsa settimana, Seat (in questi mesi al centro di una notevole escalation di mercato) prepara il campo – in vista di Francoforte – ad una corposa “offensiva”. Lo stand del marchio catalano che fa capo al Gruppo VAG espone all’IAA Seat Arona (in anteprima assoluta, che si accompagna al via della relativa fase di ordinazioni), sviluppata sulla piattaforma MQB A0 che aveva debuttato quale “ossatura” per la recentemente rinnovata bestseller Ibiza; la nuova Seat Leon Cupra R, equipaggiata con l’unità 2.0 TFSI che, con 300 CV, fa della novità Leon – seppure programmata in serie limitata – la Seat “stradale” più potente mai prodotta; la Ibiza 1.0 TGI che rappresenta, dopo Leon e Mii, il terzo modello a metano prodotto dal marchio di Martorell; un’anteprima dell’integrazione del servizio vocale interattivo Alexa di Amazon, che inizialmente sarà proposto a bordo di Leon e Ateca; e, a conferma delle anticipazioni che avevamo pubblicato nelle scorse settimane, verranno resi noti i nove nomi finalisti per il battesimo del nuovo SUV Seat alto di gamma.

Skoda. Le prime consegne sono previste per ottobre 2017: nel frattempo, Skoda Karoq farà bella mostra di se all’imminente Salone di Francoforte. Il nuovo “Sport Utility” di Mlada Boleslav, allestito sul pianale MQB-Modularer Querbaukasten, porta in dote una nuova strumentazione digitale, il modulo infotainment con piattaforma SmartLink+, un ampio ventaglio di sistemi di ausilio alla guida e, sotto il cofano, una gamma di cinque motorizzazioni, benzina e turbodiesel, con cambio manuale a sei rapporti e DSG a sette rapporti e potenze comprese fra 115 CV (1.0 TSI) e 190 CV (2.0 TDI).

Bentley. Una delle aziende dall’eterna allure “British” svelerà, a Francoforte 2017, ciò che gli enthusiast della produzione di Crewe (focalizzata sull’immagine sportiva che da sempre accompagna i modelli della “B Alata”) attendono da tempo: la nuova generazione della longeva Continental GT, coupé-simbolo per Bentley. Anticipata nei giorni scorsi, Bentley Continental GT MY 2018 deriva, nell’impostazione di progetto, dalla EXP 10 Speed 6 del 2015, si caratterizza per un nuovo approccio stilistico al corpo vettura, l’adozione della piattaforma MSB in alluminio (Modularer Standardantriebs Baukasten) che equipaggia la recentemente aggiornata Porsche Panamera e, sotto il cofano, per il debutto dell’unità 6.0 V12 da 635 CV e ben 900 Nm di coppia massima. Accanto a Continental GT MY 2018, e dotata della medesima motorizzazione, c’è Bentley Bentayga 6.0 V12; l’immagine luxury Bentley viene degnamente rappresentata, all’IAA 2017, dalla inedita Mulsanne Design Series by Mulliner, esclusivo allestimento di corpo vettura e finiture abitacolo creato ad hoc dagli artigiani della Divisione di Crewe specializzata negli interventi di personalizzazione “su misura” della lineup Bentley.

Rolls-Royce. Imponente come la propria classe esige da sempre, all’IAA 2017 è attesa la ottava generazione di Rolls-Royce Phantom, caratterizzata dalla possibilità di allestire l’abitacolo su specifica indicazione, in virtù della presenza di un pannello trasparente sulla plancia che può ospitare una esclusiva (e unica!) installazione artistica visuale.

Citroen. L’anteprima del “Double Chevron” all’IAA 2017 punta su C3 Aircross, crossover compatto di segmento B chiamato a rinnovare l’immagine della precedente C3 Picasso. Il debutto sul mercato è previsto per la fine di quest’anno. Sviluppata, relativamente alle soluzioni abitacolo, sulle linee-guida dettate dal programma “Citroen Advanced Comfort”, la nuova C3 Aircross viene declinata, al momento del “lancio” commerciale, su una lineup di motorizzazioni che si articola sulle unità benzina PureTech da 82 CV, 110 CV e 130 CV; e turbodiesel hDi da 110 CV e 120 CV: per tutte le versioni c’è il cambio manuale (automatico EAT disponibile soltanto per la PureTech benzina 110 CV), la trazione anteriore con Grip Control e assistenza alla marcia in discesa e cinque modalità di guida. Accanto a C3 Aircross, Citroen espone a Francoforte 2017 il prototipo Space Tourer Rip Curl, nonché la serie limitata E-Méhari Style by Courrèges.

Ford. La “new entry” Ford per il Salone di Francoforte 2017 si chiama EcoSport MY 2018: il più piccolo “Sport Utility” del colosso di Detroit debutterà sul mercato entro la fine di quest’anno, anche in una inedita declinazione ST-Line, che replica fedelmente le peculiarità della lineup “ST”. Attesa all’IAA 2017 anche una serie speciale “Black Edition” del pick-up Ford Ranger, programmata in 2.500 unità nella sola configurazione a doppia cabina.

Hyundai. C’è curiosità, intorno al marchio coreano ben radicato nei mercati europei: all’IAA 2017 saranno svelate alcune novità di rilievo. Su tutte, il recentissimo SUV Kona, “Sport Utility” di segmento B il cui stile è stato sviluppato dal Centro stile nord americano Hyundai, e che porta in dote un aggiornato dispositivo infotainment e, sotto il cofano, la piccola unità 1.0 GDI da 120 CV e un 1.6 T-GDI da 177 CV; ma anche due ulteriori proposte per la lineup “compatta” Hyundai, ovvero i30 N (all’IAA arricchita dalla versione “racing” i30 N TCR) e i30 Fastback.

Kia. Lo stand Kia a Francoforte 2017 mette in evidenza quattro interessanti “new entry”: Proceed Concept, STonic, Picanto X-Line e Sorento MY 2018. Si tratta, rispettivamente, di un allestimento volutamente ispirato all’immagine e alle dotazioni dei veicoli crossover di intonazione sportiva; dell’edizione-restyling del “medium-SUV” in produzione dal 2002 e giunto all’attuale seconda generazione; nonché di una inedita shooting brake dalle linee piacevolmente sportive e che potrebbe prefigurare una prossima nuova generazione di Kia Cee’d, “segmento C” concorrente di  Volkswagen Golf, Peugeot 308, Ford Focus, Audi A3, Alfa Romeo Giulietta e Fiat Tipo, Opel Astra, Hyundai i30.

SsangYong. La quarta generazione del SUV “full-size” Rexton sarà presentata in anteprima al Salone di Francoforte: la conferma, seguita alle indicazioni dei mesi scorsi, è arrivata all’inizio di settembre dai vertici SsangYong: annunciato concorrente nei confronti di un nutrito “club” che vede, fra i modelli maggiormente competitivi, Ford Edge e Volkswagen Touareg, ma anche Skoda Kodiaq e l’imminente SUV full size di Seat atteso nel 2018, nonché Kia Sorento, Nissan X-Trail e Hyundai Santa Fe, SsangYong Rexton MY 2018 porterà in dote un ulteriore tassello del rinnovato linguaggio stilistico per il marchio controllato dal colosso indiano Mahindra.

Jaguar. Accanto ad E-Pace, l’ambizioso SUV compatto protagonista, lo scorso luglio, di una presentazione in anteprima da Guinness World Record, il marchio di Coventry approfitta del Salone di Francoforte 2017 per mettere in evidenza una propria decisa offensiva hi-tech finalizzata alla nuova mobilità eco friendly (una evoluzione motoristica attesa, del resto: nei mesi scorsi, Jaguar aveva confermato il proprio rientro, sotto forma di Casa costruttrice “ufficiale”, dalla stagione 2018 della Formula E). Il risultato, che sarà sotto gli occhi del pubblico all’imminente IAA 2017, si traduce nell’anteprima di Jaguar I-Pace (che sarà il primo modello 100% elettrico per Coventry), nello studio-prefigurazione Future-Type (ovvero: come sarano le autovetture da qui al 2040) e in una interessante operazione che coniuga la sempre più presente mobilità elettrica alla tradizione del Marchio: Jaguar E-Type Zero Concept, essenzialmente una leggendaria E-Type Roadster 1.5 Series del 1968 alimentata con un modulo elettrico interamente collocato (batterie agli ioni di litio comprese) all’interno del vano motore: del resto, lo spazio sotto il cofano c’è, e in abbondanza.

Renault – Dacia. Abbiamo scelto di mettere insieme i due marchi, entrambi presenti al Salone di Francoforte 2017, perché strettamente collegati fra loro dal punto di vista della produzione e delle tecniche progettuali. Nel dettaglio, Renault svela all’IAA 2017 due novità di sicuro interesse, ciascuna delle quali rivolta ad un preciso indirizzo di immagine e di contenuto. Si tratta, nell’ordine, di Renault Mégane RS, sviluppata da Renault Sport e chiamata ad affiancare (ne condivide l’impostazione meccatronica) la più “estrema” e selettiva Alpine A110; e Symbioz, una show car anticipata nei giorni scorsi da un video teaser di anteprima, che metteva in evidenza un corpo vettura a tre porte, dalle linee sportiveggianti, ed equipaggiata con soluzioni di motorizzazione (elettrica) e di equipaggiamento che prefigurano la nuova mobilità autonoma, connessa e a zero emissioni.

Dal canto suo, Dacia presenta al Salone di Francoforte 2017 la seconda generazione di Duster: anch’essa anticipata nei giorni scorsi da un video di anteprima, è di imminente debutto in concessionaria (i primi arrivi sono fissati entro la fine di quest’anno): fra le novità principali attese dal pubblico, una gamma aggiornata di motorizzazioni e nuovi equipaggiamenti di assistenza alla guida e di sicurezza attiva.

Honda. Al Salone di Francoforte, il marchio giapponese presenterà la terza generazione di Honda Jazz, protagonista di un corposo “maquillage” estetico, nelle rifiniture degli interni e nella dotazione multimediale (a bordo di Honda Jazz MY 2018 c’è il modulo infotainment con schermo touch da 7” e funzionalità Honda Connect); sotto il cofano, debutta per l’Europa la motorizzazione 1.5 i-VTEC a benzina da 130 CV, che si affianca al conosciuto 1.3 i-VTEC da 102 CV. Spazio, all’IAA 2017, per Honda Urban EV Concept, un nuovo tassello nel programma “Electric Vision” finalizzato allo sviluppo di nuovi modelli eco friendly rivolti ai mercati europei, e che si affianca a Francoforte a  Honda CR-V Hybrid Prototype, inedita declinazione ibrida che debutterà sul mercato verso la metà del 2018.

Toyota. L’evoluzione dei sistemi di propulsione eco friendly, ed un nuovo discorso di stile per la longeva Land Cruiser: la presenza Toyota al Salone di Francoforte 2017 si poggia su questi due “pilastri”. Nel dettaglio, il colosso giapponese espone all’IAA la C-HR Hy-Power Concept, crossover-coupé sviluppata dal Centro Stile europeo Toyota; la nuova generazione di Land Cruiser, allestita con la tecnologia Body-on-Frame (letteralmente “scocca su telaio”), sviluppata con l’obiettivo di garantire le migliori prestazioni su qualsiasi tipo di terreno; la Auris Touring Sport “Freestyle”, sviluppata quale ulteriore proposta nella gamma Auris; e, dal Salone di Ginevra dello scorso marzo, la simpatica  Yaris GRMN (Gazoo Racing Meister of Nurburgring), serie speciale dotata della nuova unità 1.8 volumetrica da 212 CV.

Ferrari. Dopo il vernissage, avvenuto venerdì scorso nella Perla del Tigullio alla presenza dell’amministratore delegato Sergio Marchionne e di Sebastian Vettel (e con un nutrito corollario di vip invitati per l’occasione), Ferrari Portofino sarà esposta, al Salone di Francoforte 2017, quale nuova punta di diamante del Cavallino. Chiamata a rinnovare i fasti delle GT di Maranello (e, in ordine di tempo, di Ferrari California T), la nuova “Portofino” porta in dote un approfondito aggiornamento al telaio (nuovi materiali ed una più elevata rigidità torsionale), il caratteristico tettuccio rigido in due pezzi retrattile e, sotto il cofano, la nobile unità V8 da 3,8 litri sovralimentata con doppio turbocompressore, che sprigiona 600 CV e 760 Nm di coppia massima, per una velocità di punta di oltre 320 km/h e un tempo di 3”5 nell’accelerazione 0 – 100 km/h. Le prime consegne avverranno nel 2018.

Maserati.  L’edizione-restyling di Ghibli, e le nuove GranTurismo e GranCabrio: su questo “tris” Maserati gioca la propria presenza al Salone di Francoforte 2017. Il marchio del Tridente espone, alla Frankfurt Messe, Ghibli in edizione Model Year 2018, già presentata in anteprima assoluta, a fine agosto, in occasione del Chengdu Motor Show, in Cina: declinata nelle due varianti GranSport e GranLusso, porta in dote le due motorizzazioni a benzina 2.0 V6 Twin Turbo da 350 CV e 3.0 V6 Twin Turbo da 450 CV, nonché la versione turbodiesel da 250 CV e 275 CV.

Lamborghini. La gamma di Aventador S, ovvero la più recente evoluzione high performance (in ordine di tempo) per la supercar di Sant’Agata Bolognese, debutta al Salone di Francoforte 2017 nella inedita declinazione Roadster. Queste le caratteristiche salienti di Aventador S Roadster: un tetto rigido (costituito da due pannelli in fibra di carbonio) asportabile, lo specifico bodykit aerodinamico introdotto su Aventador S e, in posizione centrale, l’unità 6.5 V12, abbinata al cambio ISR a sette rapporti, che sviluppa una potenza di 740 CV e 690 Nm di coppia massima, per una velocità massima di 350 km/h e 3” (un decimo di secondo in più rispetto ad Aventador S Coupé) nel passaggio da 0 a 100 km/h.

Bmw Z4 Concept 2017: prime immagini ufficiali Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

Nuova Ducati Panigale V2

Altri contenuti