Seat: i nomi finalisti per il nuovo maxi SUV

Per la prima volta, Seat, dopo le necessarie valutazioni tecniche, si affida alla “giuria popolare” per dare il nome al nuovo SUV fuill-size che sarà svelato al Salone di Francoforte

A poco meno di un mese e mezzo dal “taglio del nastro” del nuovo SUV di Seat, che sarà presentato in anteprima assoluta all’imminente Salone di Francoforte (dal 14 al 24 settembre), procede la selezione del nome dello “Sport Utility” di grandi dimensioni chiamato ad arricchire le proposte per Seat, dopo Ateca e Arona (quest’ultimo protagonista, nelle scorse settimane, di un clamoroso volo nei cieli di Barcellona).

Una prima comunicazione arriva, in queste ore, dai vertici del marchio di Martorell. Sul taccuino ci sono nove proposte di denominazione, che hanno superato una prima fase selettiva articolata su tre livelli di analisi, svolta nell’ambito dell’iniziativa #SEATseekingName.

Alla definizione del nome che verrà alla fine scelto per l’inedito SUV Full-size di Seat hanno preso parte esperti interni all’azienda, un’agenzia esterna specializzata in “naming” e una terza realtà che si occupa di tematiche legate alla proprietà industriale ed intellettuale.

Fedele alla propria tradizione (avviata nel 1982 con la Ronda e via via evolutasi fino alla recentissima Arona, presentata lo scorso 26 giugno), che conferisce alle vetture nomi di località della Spagna, il marchio catalano ha scelto, quali nomi identificativi del nuovo “Sport Utility”, una rosa di nove proposte: “Abrera”, “Alboran”, “Aran”, “Aranda”, “Avila”, “Donosti”, “Tarifa”, “Tarraco”, “Teide”.

Qualche curiosità: Abrera è una località della Catalogna, in provincia di Barcellona, di probabile origine romana, e che in virtù della notevole industrializzazione regionale ha visto la propria popolazione accrescere in misura notevole dalla metà del 20esimo secolo; Alboran è il nome di una piccola isola, che dista una cinquantina di km dalle coste del Marocco settentrionale e circa 90 km dalle rive della provincia andalusa di Almerìa; Aran è la contrazione di Val d’Aran, comarca catalana nell’estremo nord della regione; Aranda, con capoluogo Illueca e facente parte della provincia di Saragozza, rappresenta una delle comarche dell’Aragona; Avila, dalla leggendaria origine che ne vorrebbe l’origine del nome da Abyla (secondo la mitologia greca, moglie di Ercole) è capoluogo di provincia della Castiglia e Leòn, nonché città natale di Teresa d’Avila; Donosti, da Donostia-San Sebastian, è la città dei Paesi Baschi scelta nel 2016 quale Capitale europea della Cultura; Tarifa, in Andalusia, è il comune più a sud nell’Europa continentale; Tarraco è l’antico nome romano di Tarragona, città catalana oggi fra i Patrimoni mondiali dell’Umanità Unesco; infine, Teide, vetta più alta della Spagna, è il vulcano situato a Tenerife ad una quota di 3.718 metri sul livello del mare.

Una di queste proposte rappresenterà il nuovo SUV di Seat. La selezione, comunicano i “piani alti” di Martorell, viene condotta sulla base di precisi parametri, che tengono conto dei valori di marca e di prodotto, criteri linguistici (un rigoroso controllo che mettesse in evidenza la facilità di pronuncia dei nomi nelle diverse lingue, e una connotazione positiva degli stessi), e criteri legali (fase, quest’ultima, essenziale perché occorre controllare, a livello internazionale, che nessuno dei nomi candidati possa risultare già registrato da altre realtà in qualunque nazione nella quale Seat è presente).

Adesso, è in procinto di iniziare una ulteriore fase, ovvero una serie di “focus group”, che verranno organizzati da Seat insieme ai primi test nei principali Paesi dove avviene la commercializzazione della gamma di Martorell, per scegliere i tre nomi finalisti dai nove candidati.

Nel complesso, la “mobilitazione” per la scelta del nome da dare al nuovo SUV di Seat coinvolgerà “più di 130.000 persone di 106 Paesi differenti, a rimarcare il legame del marchio con la società spagnola e con i suoi estimatori in giro per il mondo”, commenta il presidente Seat, Luca de Meo.

Il 12 settembre, alla conferenza stampa Seat fissata per la vigilia del Salone di Francoforte, avverrà l’indicazione dei nomi finalisti: da quel momento, e fino al 25 settembre, sarà possibile votare il proprio nome preferito (siti Web seat.es/buscanombre e seat.com/seekingname). L’identità definitiva del nuovo maxi-SUV di Seat sarà, infine, svelata entro il prossimo 15 ottobre.

Seat Ateca 2.0 TDI XCELLENCE: la prova su strada Vedi tutte le immagini

I Video di Motori.it

CUPRA Ateca: video e scheda tecnica

Altri contenuti