La Peugeot di Ahmadinejad all’asta per beneficenza

Il presidente iraniano metterà all’asta la sua vecchia Peugeot 504 degli anni ’70. Il ricavato servirà a raccogliere fondi per costruire case popolari

Il presidente iraniano metterà all’asta la sua vecchia Peugeot 504 degli anni ’70. Il ricavato servirà a raccogliere fondi per costruire case popolari

Una Peugeot 504 del 1977 di colore bianco, non si sa se in versione berlina, coupè o cabriolet. È la vecchia automobile del presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad che nelle prossime settimane finirà all’asta. La televisione di stato ha infatti comunicato, riportando le parole del ministro degli Affari Sociali Sadeq Masuli che il presidente ha “deciso domenica, durante un seminario sul progetto di  edilizia popolare Mehr, di mettere in vendita la sua automobile”.

Il ministro degli affari sociali ha aggiunto che la vettura “sarà proposta per una vendita alle aste internazionali e che presto verrà annunciato il suo prezzo di partenza”. Lanciata sul mercato nel 1968, la Peugeot 504 ha riscosso un discreto successo nell’arco della sua “carriera” venendo prodotta in diverse versioni.

La prima fu una berlina 3 volumi e 4 porte equipaggiata con un motore 4 cilindri da 1,8 litri. Successivamente la casa del Leone fece debuttare le versioni coupé e cabriolet firmate Pininfarina che oltre al motore 1,8 sfruttarono a partire dal 1970 una cilindrata di 2 litri dalla maggiore potenza.

L’apice della produzione venne raggiunto all’inizio degli anni 80 con la versione V6 da 2,6 litri a iniezione in grado di erogare ben 144 cavalli. Complessivamente la Peugeot 504 è stata prodotta in oltre 3,6 milioni di unità.

Peugeot e-208 Guardia di Finanza: immagini ufficiali Vedi tutte le immagini
Altri contenuti
Stellantis al Milano Monza Motor Show 2021
News

Stellantis al Milano Monza Motor Show 2021

Elettrificazione “per tutti” e nuovi servizi alla mobilità al centro della rassegna lombarda che costituisce un’importante manifestazione per la ripartenza dell’intera filiera automotive dopo l’emergenza sanitaria.