Nuova Mini D: un motore per quattro allestimenti

Arriva a Settembre un nuovo 1.6 diesel per la “piccola” di Oxford. Davvero buoni i consumi: 3,9 litri per 100 km. Prezzi a partire da 18.400 euro

Nuova Mini D: un motore per quattro allestimenti

di Francesco Giorgi

03 luglio 2009

Arriva a Settembre un nuovo 1.6 diesel per la “piccola” di Oxford. Davvero buoni i consumi: 3,9 litri per 100 km. Prezzi a partire da 18.400 euro

.

Mini One D, Mini Ray D, Mini Abbey Road D e Mini Trigger D: ecco i modelli che il Marchio di Oxford lancerà sul mercato a Settembre. Si tratta, in sostanza, di una riproposizione dei fortunati modelli a gasolio che la Mini aveva lanciato nel Maggio del 2003.

Con l’occasione, sono già stati comunicati i prezzi (indicativi) chiavi in mano, che partiranno da 18.850 euro per la Mini One D e 21.950 euro per Abbey Road – versione dagli allestimenti più eleganti – e Trigger (dall’impostazione spiccatamente sportiva), mentre la Mini Ray D sarà in vendita a 18.400 euro. La novità più ghiotta della “gamma” Mini a gasolio è sotto il cofano: il nuovo motore 1.6 litri Turbodiesel ad iniezione diretta Common Rail, realizzato in alluminio e già montato sulla Mini Cooper D.

Il nuovo motore sviluppa ora una potenza di 90 CV a 4000 giri/min e raggiunge la coppia massima (215 Nm) a partire dai 1750 giri. E’ un propulsore caratterizzato da un discreto grado di elasticità, con prestazioni dichiarate che raggiungono valori in linea con le caratteristiche sportive della gamma: velocità massima di 182 km/h e accelerazione da 0 a 100 km/h in 11,5 secondi. Molto buono il consumo, che secondo i dati forniti da Oxford è di 3,9 litri di gasolio per 100 km.

Anche le emissioni indicate raggiungono un valore piuttosto basso: 104 g/km di CO2, quanto basta, perciò, per aggiudicarsi il bonus statale di 2000 euro destinato alle vetture le cui emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera sono al di sotto dei 120 g/km.

No votes yet.
Please wait...