La Toyota FJ Cruiser perde il tetto

In vendita un interessante kit per trasformare la pachidermica 4×4 Made in Japan, dallo stile molto Yankee, in un’appariscente cabrio

La Toyota FJ Cruiser perde il tetto

di Lorenzo Stracquadanio

15 novembre 2009

In vendita un interessante kit per trasformare la pachidermica 4×4 Made in Japan, dallo stile molto Yankee, in un’appariscente cabrio

La FJ Cruiser? Una fuoristrada vera con tanto di telaio a longheroni separato. Grazie a un kit espressamente studiato che costa quanto una Fiat Grande Punto ben accessoriata, il piacere di guidare questo “incrociatore” nella bella stagione si amplifica. Per chi se lo può permettere, è un’esperienza da provare. Il kit si può installare naturalmente su qualsiasi versione del modello giapponese, non ufficialmente importato in Italia, ovvero sulla 2WD, la 4WD, su quella con cambio manuale a 6 rapporti e riduttore o automatico a 5 (sempre con riduttore). Per il resto la 4×4 adotta le stesse originali soluzioni della versione chiusa, ovvero il meccanismo di apertura “a libro” delle porte che facilita l’accesso all’abitacolo soprattutto per i passeggeri posteriori.

Il propulsore (lo stesso adottato su alcune berline e Suv Lexus) è il VVTi V6 da 4 litri a iniezione che permette di accelerare da 0 a 100 km/h in poco più di 7,5 secondi. I consumi non sono proprio contenuti; quindi, volendo, si può ordinare con impianto Gpl sequenziale Brc con bombole da 80 litri.

Al momento sono 2 le colorazioni disponibili: giallo (con cerchi, mascherina, specchietti e paraurti di color argento) e bianco (con paraurti mascherina, specchietti e cerchi nero opaco dall’aspetto tuning). Inoltre sono disponibili una serie di pacchetti per personalizzare la vettura partendo dalla colorazione della vernice fino al tipo di cerchi in lega e numerosi accessori aftermarket.