La Toyota FJ Cruiser perde il tetto

In vendita un interessante kit per trasformare la pachidermica 4×4 Made in Japan, dallo stile molto Yankee, in un’appariscente cabrio

La Toyota FJ Cruiser perde il tetto

Tutto su: Toyota

di Lorenzo Stracquadanio

15 novembre 2009

In vendita un interessante kit per trasformare la pachidermica 4×4 Made in Japan, dallo stile molto Yankee, in un’appariscente cabrio

La FJ Cruiser? Una fuoristrada vera con tanto di telaio a longheroni separato. Grazie a un kit espressamente studiato che costa quanto una Fiat Grande Punto ben accessoriata, il piacere di guidare questo “incrociatore” nella bella stagione si amplifica. Per chi se lo può permettere, è un’esperienza da provare. Il kit si può installare naturalmente su qualsiasi versione del modello giapponese, non ufficialmente importato in Italia, ovvero sulla 2WD, la 4WD, su quella con cambio manuale a 6 rapporti e riduttore o automatico a 5 (sempre con riduttore). Per il resto la 4×4 adotta le stesse originali soluzioni della versione chiusa, ovvero il meccanismo di apertura “a libro” delle porte che facilita l’accesso all’abitacolo soprattutto per i passeggeri posteriori.

Il propulsore (lo stesso adottato su alcune berline e Suv Lexus) è il VVTi V6 da 4 litri a iniezione che permette di accelerare da 0 a 100 km/h in poco più di 7,5 secondi. I consumi non sono proprio contenuti; quindi, volendo, si può ordinare con impianto Gpl sequenziale Brc con bombole da 80 litri.

Al momento sono 2 le colorazioni disponibili: giallo (con cerchi, mascherina, specchietti e paraurti di color argento) e bianco (con paraurti mascherina, specchietti e cerchi nero opaco dall’aspetto tuning). Inoltre sono disponibili una serie di pacchetti per personalizzare la vettura partendo dalla colorazione della vernice fino al tipo di cerchi in lega e numerosi accessori aftermarket.