Sicurezza e infotainment per l'auto del futuro

Secondo uno studio condotto da Accenture, i dispositivi di sicurezza e le tecnologia multimediali avranno la priorità nelle auto del futuro.

Nuova Audi A3 2012, interni

Altre foto »

Una ricerca condotta dall'Accenture, multinazionale di consulenza direzionale, servizi tecnologici e outsourcing, ha messo in risalto le future tendenze tecnologiche che influenzeranno la futura produzione del settore automotive. 

L'azienda (con sede a Dublino) ha preso in esame circa 7.000 automobilisti appartenenti a sette diverse nazionalità (Italia, Stati Uniti, Francia, Cina, Malesia, Corea del Sud e Brasile), per scoprire quali sono i dispositivi tecnologici più utilizzati sulle nostre auto e contemporaneamente svelare quali saranno le tecnologie più gettonate nel prossimo futuro, secondo le aspettative degli automobilisti. I risultati di questa ricerca hanno evidenziato due principali tendenze che determineranno le future scelte degli automobilisti relative  all'acquisto di una nuova vettura. Il tema più sentito dagli utenti presi in considerazione dalla ricerca è quello della sicurezza, seguito dall'importanza dei dispositivi multimediali dedicati all'intrattenimento e alla connettività.

Sempre più persone richiedono infatti l'adozione sulle proprie vetture di sistemi di sicurezza elettronici in grado di aumentare la sicurezza attiva del proprio veicolo.  Tra i dispositivi più apprezzati troviamo il Lane Changing/Blind Spot, sistema elettronico che aiuta il guidatore durante i delicati momenti di sorpasso, avvisandolo dell'eventuale presenza di un'altra vettura nell'angolo cieco del veicolo. Una posizione importante viene occupata dal desiderio di utilizzare i radar dedicati alla guida notturna, i dispositivi che avvertono gli eventuali cambi di corsia indesiderati,o ancora uno strumento per calcolare il tasso alcolemico prima di accendere l'auto e infine un sistema di allarme per i colpi di sonno.

Ritornando ai dispositivi dedicati all'IVI (In-Vehicle Infotainment), le preferenze degli automobilisti si soffermano sui sistemi capaci di comunicare con le altre vetture e quelli studiati per gestire le applicazioni del proprio smartphone, tramite degli appositi comandi situati sul volante. I desideri e le aspettative degli automobilisti prevedono anche alcune funzioni particolarmente articolate e non facilmente applicabili, come ad esempio la possibilità di leggere e scrivere le proprie e-mail durante la guida tramite appositi dispositivi vocali, e addirittura di poter utilizzare il parabrezza come se fosse uno schermo dedicato all' infotainment. La maggior parte degli utenti intervistati dichiara anche di essere particolarmente interessata a disporre di una chiamata automatica in casa di guasto all'impianto multimediale.

Se vuoi aggiornamenti su SICUREZZA E INFOTAINMENT PER L'AUTO DEL FUTURO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 31 gennaio 2012

Vedi anche

Guida autonoma: Intel crea l

Guida autonoma: Intel crea l'Automated Driving Group

Intel investe sulla guida autonoma e annuncia la nascita di una divisione dedicata che si chiamerà Automated Driving Group.

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

La Casa dell’elica ha dichiarato che lancerà la sua prima vettura 100% a guida autonoma con intelligenza artificiale nel 2021.

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

Massima valutazione per 4 modelli su 9; sempre più netto il divario fra vetture "di serie" e quelle dotate del "safety pack" richiesto da Ncap.