Toyota accusata di “razzismo finanziario”

La casa automobilistica giapponese dovrà rimborsare i clienti di etnia afroamericana ai quali rivolgeva tassi di interesse sfavorevoli.

Toyota accusata di "razzismo finanziario"

di Giovanni Mercadante

05 febbraio 2016

La casa automobilistica giapponese dovrà rimborsare i clienti di etnia afroamericana ai quali rivolgeva tassi di interesse sfavorevoli.

Toyota accusata di razzismo. L’azienda finanziaria che si occupa del piano finanziario della casa automobilistica, secondo l’agenzia del Governo degli Stati Uniti sul controllo del credito avrebbe discriminato gli afroamericani poiché i tassi di interesse rivolti a queste persone erano meno favorevoli.

 

La Toyota ha smentito parlando di errore involontario ma nonostante ciò ha negoziato la multa milionaria che gli è stata commissionata ma non solo: adesso la casa giapponese dovrà rimborsare tutti i clienti vittime del “razzismo finanziario”. Un fondo di quasi 20 milioni di dollari è già stato istituito.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...