Distributori, il crollo delle vendite farà chiudere fino a 3 mila stazioni

É quanto dichiarato da Alessandro Gillotti, presidente dell'unione Petrolifera.

Alessandro Gilotti, presidente dell'Unione Petrolifera ha dichiarato: "I volumi erogati dagli impianti sono molto bassi, mentre le royalties sui prodotti venduti che le società petrolifere devono pagare a quelle autostradali sono spesso altissime".

Una difficoltà che abbraccia l'intero sistema della distribuzione dei carburanti in Italia dove dal 2007 si è registrato un -54% delle vendite in autostrada.

A causa di ciò Gilotti paventa una chiusura dei distributori, il 31 dicembre, infatti, sono in scadenza ben 300 concessioni di aree di servizio autostradali e le compagnie petrolifere non manifestano alcun interesse nel prorogarli.

"Si sta ipotizzando la chiusura di 20-30 impianti  -  ha detto - ma ci aspettavamo una razionalizzazione più incisiva; abbiamo lavorato tanto con i Ministeri e sono stati emessi due atti d'indirizzo, dal Governo Monti e quello Renzi, ma questo piano non è stato ancora approvato e, stando alle anticipazioni, risulta insoddisfacente e tardivo"

Grazie ad un recente accordo tra gestori, Assopetroli e Unione Petrolifera, negli anni successivi potranno chiudere fino a 3 mila stazioni di servizio che risultano incompatibili coi principi di sicurezza stradale.

 

Se vuoi aggiornamenti su DISTRIBUTORI, IL CROLLO DELLE VENDITE FARÀ CHIUDERE FINO A 3 MILA STAZIONI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 30 luglio 2015

Vedi anche

Eric Clapton mette in vendita la Ferrari f40

Eric Clapton mette in vendita la Ferrari f40

Il musicista ha messo in vendita l’esemplare ad un prezzo che supera il milione di euro

Mazda HCCI: dal 2018 motori senza candele

Mazda HCCI: dal 2018 motori senza candele

Il sistema HCCI che equipaggerà i futuri motori SKYACTIV a benzina permetterà di abbattere i consumi del 30%.

Paga la tassa alla motorizzazione in monete

Paga la tassa alla motorizzazione in monete

L'incredibile iniziativa di un uomo americano che si è presentato negli uffici con una carriola piena di spiccioli ammontanti a 2.987,45 dollari