Peugeot Competition: i premi della stagione 2017

Il vincitore del Peugeot Competition 208 Top nella categoria Under 25 guiderà una 208 R2B di Peugeot Italia nel 2018.

Peugeot Competition: i premi della stagione 2017

Tutto su: Peugeot

di Valerio Verdone

01 febbraio 2017

Il vincitore del Peugeot Competition 208 Top nella categoria Under 25 guiderà una 208 R2B di Peugeot Italia nel 2018.

La Peugeot Competition è il trofeo promozionale organizzato da Peugeot Italia per i clienti sportivi da 38 primavere, e quest’anno si rinnova per supportare maggiormente le ambizioni dei giovani talenti, da sempre tenuti in grande considerazione sia da Peugeot che dallo storico partner Pirelli.

Infatti, l’edizione 2017 del trofeo prevede, per i giovani, dei premi a dir poco eccezionali, con il vincitore del Peugeot Competition 208 Top nella categoria Under 25 (ossia dei nati dopo il 31 dicembre 1991) che avrà la possibilità di diventare pilota ufficiale della 208 R2B di Peugeot Italia nel 2018.

Inoltre, la Casa del Leone ha istituito un premio di 5000 euro per alcuni rally del C.I.R. da assegnare al pilota Junior (ufficiali esclusi) capace di portare al Brand transalpino il maggior numero di punti utili per la classifica assoluta Costruttori del Campionato Italiano Rally. Denominato BEST Peugeot Junior, sarà messo in palio nelle prime quattro gare del calendario Tricolore (Ciocco, Sanremo, Targa Florio e Adriatico) e sarà riconosciuto indipendentemente dal modello di Peugeot utilizzato (208T16, 207 S2000, 208 R2B, ecc.).

Premi in denaro anche nel Peugeot Competition 208 Top, che offre ai primi tre classificati di ciascun rally, rispettivamente, 3.000, 2.000 e 1.000  euro.  Questo trofeo si distingue anche per il sistema di punteggio, con i punti che saranno assegnati, per i primi 10, anche in base al risultato dell’intero rally, secondo i dettami della FIA: 25, 18, 15, 12, 10, 8, 6 ,4, 2, 1, dal primo all’ultimo della top ten.

La classifica finale sarà stabilita sulla base dei 4 migliori risultati maturati nelle 6 gare in calendario; l’unico obbligo è che almeno uno di questi sia su terra.