Immatricolazioni in forte calo anche a dicembre

Il settore auto registra una flessione del 21,71% nello scorso mese e un calo del 9,2% nel 2010. È la peggiore performance da 14 anni.

Il 2010 si è chiuso con l'ennesima brutta notizia per il comparto auto. Nel mese di dicembre il numero delle immatricolazioni ha registrato una pesante flessione del 21,71% fermandosi a quota 130.319 veicoli. E le cose non sono andate meglio nel resto dell'anno con numeri impietosi: il 2010 infatti si è chiuso con un calo generale delle immatricolazioni pari al 9,22% a quota 1.960.282 vetture, che tradotto significa il peggior risultato degli ultimi 14 anni.

E le cose, in prospettiva, non sembrano andare meglio. Secondo il centro studi Promotor infatti l'inizio del 2011 sarà ancora negativo, ben lontano dalle performance registrate nei primi tre mesi del 2010 quando sul mercato dell'auto aveva inciso positivamente l'introduzione degli eco-incentivi, di cui si ritorna a parlare negli ultimi giorni.

A confermare le nubi scure all'orizzonte arrivano i numeri sugli ordinativi snocciolati dalle associazioni dei costruttori Anfia e Unrae, che sono calati del 40% a circa 163mila unità. In questo quadro generale colpisce inoltre la flessione registrata dal gruppo Fiat.

Se vuoi aggiornamenti su IMMATRICOLAZIONI IN FORTE CALO ANCHE A DICEMBRE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 04 gennaio 2011

Vedi anche

Cina, Fca interrompe la produzione dei modelli Viaggio e Ottimo

Cina, Fca interrompe la produzione dei modelli Viaggio e Ottimo

Stop alla produzione di Fiat Viaggio e Ottimo, modelli di segmento C su pianale Giulietta nati dalla joint venture Fca–Gac: si punta tutto su Jeep?

Dieselgate: indagine francese sul Gruppo FCA

Dieselgate: indagine francese sul Gruppo FCA

Dopo la diffusione del primo lancio di agenzia Il titolo del Gruppo FCA ha registrato una calo del 3,8%.

Mercato Auto: a febbraio rallenta la crescita, bene FCA

Mercato Auto: a febbraio rallenta la crescita, bene FCA

Il mercato auto rallenta la sua crescita nel mese di febbraio, ma Italia e il Gruppo FCA continuano a macinare ottimi risultati.