Toyota: febbraio 2010 in crescita

L'effetto richiami non ha pesato sull'andamento di vendite e sulle esportazioni. Il mese di febbraio è andato bene

Nonostante il difficile periodo incontrato negli ultimi mesi, la Toyota "tiene". Il colosso giapponese, a Febbraio, ha guadagnato terreno in maniera decisa. Il volume della produzione per il mercato nazionale, infatti, è aumentato del 119,6% (303.933 veicoli), e le vendite sono cresciute del 49,9% con 149.604 unità vendute.

In calo, ma solo per il mercato interno, i valori di produzione di Daihatsu, che hanno registrato un segno negativo del 4,4% (sempre riferito a Febbraio 2009), ampiamente compensati dai valori di esportazione (+ 111% con 5.982 veicoli Daihatsu venduti all'estero).

Nel complesso, i dati indicano che, per i veicoli Toyota, il valore delle esportazioni, in crescita per il secondo mese di fila, è cresciuto del 106,9% (111% Daihatsu, 108,8% Hino veicoli commerciali e bus, 107,2% per il Gruppo).

La produzione oltreoceano è cresciuta complessivamente del 57,5%. A livello di vendite e produzione, dunque, il Gruppo non sembra avere scontato l'effetto della massiccia campagna di richiami che ha interessato più di otto milioni di veicoli nel mondo.

Se vuoi aggiornamenti su TOYOTA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 30 marzo 2010

Altro su Toyota

Toyota Camry: un teaser anticipa la prossima generazione
Anteprime

Toyota Camry: un teaser anticipa la prossima generazione

La nuova generazione della world car Toyota Camry abbraccerà uno stile più dinamico e sportivo.

Toyota C-HR, elogio della personalità
Ultimi arrivi

Toyota C-HR, elogio della personalità

Estetica "da prototipo", doppia motorizzazione che strizza l’occhio all’ibrido e trazione integrale. La crossover-coupé giapponese sguinzaglia le proprie armi con doti dinamiche sorprendenti.

Toyota: nel 2020 una nuova gamma elettrica extended range?
Ecologiche

Toyota: nel 2020 una nuova gamma elettrica extended range?

Rumors dal Web indicano che il colosso giapponese svilupperà, in tempo per le Olimpiadi di Tokyo, una gamma zero emissioni ad autonomia elevata.