Nasce il nuovo impianto di Martorell che produrrà l’Audi Q3

Procede a passo spedito la costruzione dell’impianto catalano che costruirà la futura Audi Q3. Già posata la prima pietra

Nasce il nuovo impianto di Martorell che produrrà l’Audi Q3

di Redazione

22 giugno 2009

Procede a passo spedito la costruzione dell’impianto catalano che costruirà la futura Audi Q3. Già posata la prima pietra

.

Lo scorso 18 Giugno si è tenuta la cerimonia della posa della prima pietra del nuovo impianto dedicato alla produzione dell’Audi Q3; l’impianto sorgerà a Martorell, in Spagna, città che ospita la sede di Seat

Il moderno complesso, grande come quattro campi da calcio, sarà pronto nel Febbraio 2010 e sarà equipaggiato con circa 300 robot, rendendolo uno dei più moderni del mondo oltre che particolarmente ecologico, dal momento che il progetto garantisce la riduzione del consumo energetico di 250 megawatt ore l’anno attraverso l’utilizzo di lucernari sul tetto.

Alla cerimonia presieduta da José Montilla, presidente della Generalitat catalana, hanno  partecipato numerose altre autorità locali, nonché numerosi rappresentanti dei settori delle imprese e dei sindacati. Presente anche lo stato maggiore delle aziende facenti parte del Gruppo Volkswagen: Frank Dreves, Vice-Presidente della produzione Audi AG, ed Erich Schmitt, Presidente della Seat, così come altri membri del Comitato esecutivo.

Erich Schmitt ha sottolineato l’importanza di questo nuovo investimento per il futuro della società; “Questa struttura, per Seat, rappresenta l’investimento più sostanzioso (300 milioni di euro) degli ultimi quindici e garantirà qualità eccellente. E’ senza dubbio un’ottima notizia per l’industria automobilistica spagnola e, in particolare, per la Catalogna“.

I lavori di costruzione sono iniziati appena due mesi dopo la scelta di Martorell da parte del Gruppo tedesco; le prime Audi Q3 vedranno la luce nel 2011. L’impianto garantirà lavoro a circa 1500 dipendenti oltre a generare un indotto salutare per l’economia della zona, in una Spagna travolta dalla crisi economica.