Nissan-Renault: l’alleanza resisterà all’impatto Mitsubishi?

Carlos Ghosn, osteggiato dal governo francese, ha concluso l’acquisizione di Mitsubishi: ora Nissan ha avrà maggior peso nell’alleanza con Renault?

L'alleanza Nissan-Renault è una storia di successo, anzi per meglio dire la storia di Carlos Ghosn, che nel 1996 assumeva la guida di un'indebitata Renault e tre anni dopo anche quella di Nissan, anch'essa in profondo rosso, consentendo a Renault di acquisire una proprietà di maggioranza in Nissan (36%) cedendo un risicato 5% di Renault ai giapponesi, è una straordinaria storia di successo.

Con la fama di abile tagliatore di costi (20 miliardi di franchi nel primo anno) e di ottimizzatore di processi e strategie, Ghosn ha certamente salvato Renault dal precipizio in cui stava per precipitare e in quattro anni ha reso Nissan nel 2003 il costruttore mondiale più profittevole.

Da allora le cose non sono cambiate se non nel senso che il peso e la profittabilità di Nissan all'interno del Gruppo hanno continuato a crescere ad un ritmo molto superiore a quello di Renault ed oggi il valore del Gruppo è costituito per 2/3 da Nissan.

Da tempo Nissan freme richiedendo a buon diritto un peso decisionale e strategico in Consiglio adeguati alla realtà e trovando in Ghosn attenzione e comprensione per un'aspirazione fondata sul peso reale delle due aziende.

Ma la storia è complicata dalla presenza ingombrante (19,7%) del Governo Francese, e in particolare del suo ministro dell'economia Emmanuel Macron, che non solo rigetta totalmente le aspirazioni di Nissan e continua ad avere una presenza rumorosa e ingombrante in Consiglio, ma conduce anche una guerra personale nei confronti di Ghosn, accusato di percepire compensi eccessivi e "immorali".

I segnali d'impazienza di Nissan erano stati compressi qualche mese fa con la sottoscrizione di un faticoso accordo interlocutorio che manteneva lo statu quo a fronte di un generico impegno del governo francese a rientrare in una presenza più discreta in Consiglio ma senza nessun spazio di concessione a Nissan. Di fatto la questione è rimasta aperta e l'impazienza del partner giapponese sempre più evidente.

Ora, il colpo di scena, con il suicidio mediatico e finanziario di Mitsubishi che ha consentito a Ghosn, ma con un'operazione che impegna solo Nissan e non Renault, di acquisire il controllo del costruttore giapponese, con solide clausole di salvaguardia in caso di sorprese negative nei conti o negli aspetti legali che determinino un ripensamento,

Se tutto andrà come previsto il Gruppo, a questo punto Renault-Nissan/Mitsubishi diventerebbe il quarto costruttore mondiale con prospettive di tagli dei costi, efficienza produttiva, razionalizzazione di gamme e mercati, specie nel mercato est asiatico delle microcar.

Si prospetta però anche una clamorosa rottura. Possibile, anzi probabile, che se il peso di Nissan/Mitsubishi rispetto a Renault non cambierà in modo sostanziale, Ghosn decida semplicemente che non conviene trainare il carro per un ostinato costruttore francese condizionato dal suo governo, ma che Nissan/Mitsubishi può cavarsela meglio da sola, liquidando l'alleanza, o addirittura sostituendo Renault con un altro partner che rispetti i rapporti di forza.

Logico pensare in questa seconda ipotesi che un partner ideale potrebbe essere proprio FCA con cui un matrimonio porterebbe a notevoli sinergie e tagli dei costi. Ad esempio Nissan oltre che sui mercati asiatici è fortissima sul mercato nordamericano e potrebbe risolvere il problema FCA della produzione delle midsize e compact Chrysler e Dodge, 200 e Dart, attualmente in perdita.

Il problema semmai sarebbe la compatibilità tra due leader dalla prorompente personalità come Ghosn e Marchionne, ma dice qualcuno, Marchionne ha già fissato il suo ritiro, Ghosn non ci pensa proprio e se l'operazione si concretizzasse nei prossimi due anni, il problema si risolverebbe da sé.

Nel frattempo credo si arrivi ad una più che probabile rottura tra i due ex partner di ferro, Nissan e Renault, nonostante un brillante passato di successi. Per la definitiva conclusione dell'acquisizione debbono passare dodici mesi, tra un anno avremo risposte più chiare, magari sorprendenti.

Se vuoi aggiornamenti su NISSAN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Fabrizio Brunetti | 06 giugno 2016

Altro su Nissan

Nissan GT-R Track Edition: nuova serie speciale
Ultimi arrivi

Nissan GT-R Track Edition: nuova serie speciale

In vendita a 118.900 euro, la nuova GT-R Edition si pone a metà fra Premium, Prestige e Black Edition e la ultraperformante Nismo.

Nissan Micra 2017, teaser prima del debutto a Parigi
Anteprime

Nissan Micra 2017, teaser prima del debutto a Parigi

La nuova generazione della Nissan Micra viene anticipata da due immagini che mostrano una parte del frontale e della zona posteriore dell’auto.

Nissan Navara EnGuard, specializzato nel soccorso
Concept

Nissan Navara EnGuard, specializzato nel soccorso

Ad Hannover debutta la Nissan Navara EnGuard, prototipo sviluppato per le operazioni di soccorso sui terreni più difficili.